Ultima modifica: 12 gennaio 2018

PTOF

scarica il documento completo

Premessa

Il Piano triennale dell’offerta formativa del Liceo Classico Linguistico “A. Gramsci” di Olbia è stato elaborato ai sensi della legge 13 luglio 2015, n. 107, recante la “Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione e delega per il riordino delle disposizioni legislative vigenti”.

Il piano è stato elaborato dal Collegio dei docenti sulla base degli indirizzi per le attività della scuola e delle scelte di gestione e di amministrazione definiti dal dirigente scolastico con proprio atto di indirizzo.

Il piano ha ricevuto il parere favorevole del collegio dei docenti nella seduta del 22 gennaio 2016;

il piano è stato approvato dal Consiglio d’istituto nella seduta del 22 gennaio 2016;

il piano, dopo l’approvazione, viene inviato all’USR competente per le verifiche di legge ed in particolare per accertarne la compatibilità con i limiti di organico assegnato;

il piano è pubblicato nel portale del MIUR “Scuola in chiaro”.

 

Priorità, traguardi e obiettivi

Le indicazioni per la redazione del Piano Triennale dell’Offerta Formativa 2016/19 sono formulate tenendo conto degli esiti del Rapporto di autovalutazione. Essi costituiscono il punto di partenza del presente atto di indirizzo. Il Piano dovrà essere coerente con le priorità, i traguardi e gli obiettivi individuati dal rapporto di autovalutazione (rav) e il conseguente piano di miglioramento (pdm). In particolare si dovranno tenere in considerazione i risultati delle rilevazioni invalsi relative agli ultimi tre anni e in particolare i traguardi relativi agli esiti esplicitati nel RAV.

 

Congruenza tra obiettivi di processo e priorità/traguardi espressi nel RAV

Attraverso l’autoanalisi d’istituto, esplicitata nel Rapporto di autovalutazione (rav), la scuola ha individuato una serie di obiettivi strategici esplicitati che, se raggiunti attraverso efficaci azioni pianificate nel Piano di miglioramento, si auspica favoriscano il miglioramento degli esiti degli studenti e quindi la qualità dell’istruzione. Dall’analisi degli esiti contenuti nel rapporto di autovalutazione, sono emerse infatti criticità legate soprattutto al biennio, in particolare sulle prove nazionali INVALSI. Per ottimizzare le risorse e la fattibilità delle azioni e dare un respiro pluriennale ai target di miglioramento che si intendono raggiungere, il liceo Gramsci ha deciso di concentrarsi su azioni collegate e integrate, mirate fondamentalmente ad impattare sugli esiti a breve e a medio termine

 

Priorità 1

Alta percentuale di insufficienze nelle valutazioni periodiche e finali nelle discipline dell’area logico-matematica in tutti gli anni di corso

 

Traguardi

Riduzione del 15% dei risultati insufficienti

 

Priorità 2

I risultati della prova standardizzata di matematica sono molto inferiori rispetto alla media nazionale delle scuole con escs simile; si registra inoltre una elevata varianza tra le classi.

 

Traguardi

  • allineamento ai risultati nazionali nella prova di matematica nelle scuole con ESCS simile (aumento di 5 punti rispetto all’A.S. 2013/14)
  • diminuzione della varianza tra le classi il cui valore deve rientrare in una banda di oscillazione di 5 punti

 

Area di processo Obiettivi di processo
 

Curricolo, progettazione e valutazione

 

Progettazione di percorsi didattici, con la definizione di obiettivi di apprendimento, di criteri e di strumenti di valutazione, finalizzata anche alla formulazione di prove strutturate comuni

 

 

Elaborazione di un curricolo per competenze al termine del biennio, in particolare nell’ambito linguistico e logico matematico funzionali alle prestazioni richieste dalle prove nazionali

 

 

Ambiente di apprendimento

 

Incentivazione di modalità didattiche innovative, in particolare nell’ambito logico matematico e linguistico, anche con l’uso delle nuove tecnologie

 

 

Inclusione e differenziazione

 

Potenziamento delle attività di recupero e consolidamento sia in orario curricolare che extracurricolare in matematica e ambito linguistico nel biennio

 

 

Continuità e orientamento

 

Realizzazione di attività di orientamento e di interventi specifici per favorire il successo nel proseguo degli studi universitari

 

 

Orientamento strategico e organizzazione della scuola

 

 

Definizione e utilizzo di procedure efficaci per il monitoraggio e la verifica delle azioni pianificate

 

 

Integrazione con il territorio e rapporti con le famiglie

 

 

Promozione di partenariati e reti con altre scuole, anche di diverso ordine e grado, anche per iniziative di formazione

 

 

Finalità del PTOF

La finalità del POFT è espressa in continuità con le finalità da sempre perseguita dall’ Istituto, e si focalizza nel potenziamento degli obiettivi educativi e didattici che hanno caratterizzato la storia di questa Istituzione scolastica, nell’impegno verso il miglioramento della qualità del processo formativo, nell’adozione di strumenti e metodologie didattiche innovative, nell’attenzione alle problematiche giovanili.

In particolare si lavorerà per:

  • Potenziare l’individualizzazione degli apprendimenti attraverso l’adozione di strategie didattiche tese al conseguimento del pieno successo formativo degli alunni;
  • Trasformare il modello trasmissivo della scuola;
  • Realizzare progetti di potenziamento del percorso curricolare ed attività che abbiano una concreta ricaduta sul piano didattico;
  • Riorganizzare il tempo scuola;
  • Potenziare il raccordo tra scuola e territorio, attraverso l’attivazione di percorsi che garantiscano una maggiore apertura ed attenzione alle problematiche territoriali, e, al tempo stesso, facciano diventare realmente la scuola punto di riferimento sociale e culturale;
  • Potenziare l’orientamento in uscita degli studenti;
  • Potenziare il raccordo con il mondo del lavoro e le esperienze sul campo;
  • Potenziare gli aspetti della continuità sia orizzontale che verticale;
  • Educare alle pari opportunità e alla prevenzione della violenza di genere

 

secondo i seguenti principi condivisi:

  • rispetto dell’unicità della persona: la scuola si impegna a dare a tutti gli alunni adeguate e differenziate opportunità formative per garantire il massimo livello di sviluppo possibile per ognuno;
  • equità della proposta formativa;
  • imparzialità nell’erogazione del servizio;
  • continuità dell’azione educativa;
  • significatività degli apprendimenti;
  • qualità dell’azione didattica;
  • collegialità.

Scelte curricolari, didattiche ed educative (Macro ambito 1)

Ambito 1.1: opzioni del curricolo (Tabella riassuntiva)

Ambito 1.1

OPZIONI DEL CURRICOLO

 

OBIETTIVI

 

 

  • Garantire agli studenti una pluralità di percorsi formativi

 

 

DESCRIZIONE DELLE AZIONI

 

 

 

 

TRAGUARDI PREVISTI

(monitorati annualmente)

 

 

  • Miglioramento esiti INVALSI *
  • Miglioramento esiti finale nelle discipline dell’area logico-matematica e delle lingue classiche*
  • Diminuzione varianza tra classi nei risultati INVALSI *

 

 

RISORSE PREVISTE

 

 

  • Docenti su posto comune (progetti)

 

Ambito 1.2: potenziamento del curricolo (Tabella riassuntiva)

Ambito 1.2

POTENZIAMENTO DEL CURRICOLO

 

OBIETTIVI

 

 

  • Sviluppare la dimensione internazionale per studenti e docenti
  • Incrementare le competenze linguistiche, artistiche e civiche

 

 

DESCRIZIONE DELLE AZIONI

 

  1. Sperimentazione ESABAC
  2. Sperimentazione Lab ARTE
  3. Sperimentazione DEUTSCH plus

 

 

TRAGUARDI PREVISTI

(monitorati annualmente)

 

 

  • Personalizzazione del curricolo dello studente
 

RISORSE PREVISTE

 

 

  • Docenti su posto comune
  • Docenti potenziamento

 

Sottoambito 1.2.1: dimensione europea dell’insegnamento (Tabella riassuntiva)

SOTTOAMBITO Ambito 1.2.1

Dimensione europea dell’insegnamento

 

OBIETTIVI

 

 

  • Sostenere e sviluppare i processi di internazionalizzazione
 

DESCRIZIONE DELLE AZIONI

 

 

 

TRAGUARDI PREVISTI

(monitorati annualmente)

 

 

  • Incrementare n. studenti che partecipano a progetti di mobilità internazionale
  • Incrementare studenti che ottengono certificazioni linguistiche
  • Incrementare moduli CLIL nelle classi

 

 

RISORSE PREVISTE

 

 

  • F.S. area internazionali
  • Docenti su posto comune
  • Docenti potenziamento
  • Assistenti Erasmus
  • Ospitalità Studenti stranieri

 

 

Sottoambito 1.2.2: esperienze con il mondo del lavoro e competenze hiave di cittadinanza (Tabella riassuntiva)

SOTTOAMBITO Ambito 1.2.2

ESPERIENZE CON IL MONDO DEL LAVORO E COMPETENZE CHIAVE DI CITTADINANZA

OBIETTIVI

  • Realizzare esperienze nella realtà lavorativa
  • Sviluppare capacità relazionali, comunicative e organizzative

DESCRIZIONE DELLE AZIONI

TRAGUARDI PREVISTI

(monitorati annualmente)

  • Incrementare partner per effettuazione periodi di ASL
  • Promuovere nei docenti la cultura dei percorsi di alternanza scuola/lavoro
  • Incrementare n. classi in cui vengono attivati progetti sulla educazione alla legalità e alla sensibilizzazione del patrimonio ambientale

RISORSE PREVISTE

  • Docenti su posto comune (progetti)
  • F.S. rapporti con il territorio
  • Referente progetto ASL
  • Docenti potenziamento

 

Sottoambito 1.2.3: piano nazionale scuola digitale (Tabella riassuntiva)

SOTTOAMBITO Ambito 1.2.3

PIANO NAZIONALE SCUOLA DIGITALE

 

OBIETTIVI

 

 

  • Incentivazione di modalità didattiche innovative
  • Maggior coinvolgimento degli studenti nel processo di apprendimento

 

 

DESCRIZIONE DELLE AZIONI

 

 

 

TRAGUARDI PREVISTI

(monitorati annualmente)

 

 

  • Incrementare certificazioni Ei pass
  • Istituzionalizzare la figura dell’ “animatore digitale”
  • Incrementare i prodotti digitali condivisi
  • Attivare percorsi di comunicazione digitale

 

 

RISORSE PREVISTE

 

 

  • Docenti su posto comune (progetti)
  • Animatore digitale
  • Team digitale
  • Docenti potenziamento

 

 

Ambito 1.3: inclusione, differenziazione e valorizzazione delle eccellenze (Tabella riassuntiva)

Ambito 1.3

INCLUSIONE, DIFFERENZIAZIONE E VALORIZZAZIONE DELLE ECCELLENZE

 

OBIETTIVI

 

 

  • Miglioramento dei comportamenti e riduzione del disagio
  • Riduzione della dispersione scolastica
  • Rimotivazione degli studenti e aumento dell’autostima
  • Incremento e valorizzazione delle eccellenze

 

 

DESCRIZIONE DELLE AZIONI

 

 

a) BES

b) GLH – GLI

c) Supporto psico-pedagogico “tutti a iscol@”

d) Educazione alla salute

e) Gruppo sportivo

f) Attività di recupero/sostegno

g) Valorizzazione delle eccellenze

  1. Olimpiadi delle neuroscienze
  2. Olimpiadi di filosofia
  3. Olimpiadi di italiano
  4. Gare di matematica

h) Progetto P4C – Philosophy for children

i) Remata della gioventù

l) Corso di Formazione “Dislessia Amica”

 

 

TRAGUARDI PREVISTI

(monitorati annualmente)

 

 

  • Mantenimento/riduzione degli abbandoni in corso d’anno
  • Riduzione del Tasso di insuccesso studenti BES/DSA
  • Miglioramento esiti studenti
  • Incremento del N. studenti partecipanti a percorsi di educazione alla salute
  • Incremento del N. studenti partecipanti ad attività sportive
  • Incremento del N. studenti partecipanti ad attività per eccellenze

 

 

RISORSE PREVISTE

 

 

  • Docenti su posto comune (progetti)
  • Psicologo pedagogista (progetto RAS “tutti a iscol@”)
  • Docenti potenziamento

 

 

Ambito 1.4: continuità e orientamento (Tabella riassuntiva)

 

Ambito 1.4

CONTINUITÀ E ORIENTAMENTO

 

 

OBIETTIVI

 

 

  • Realizzare attività di continuità con le scuole medie e orientamento in ingresso
  • Attivare interventi specifici per favorire il successo nel proseguo degli studi universitari

 

 

DESCRIZIONE DELLE AZIONI

 

 

 

 

TRAGUARDI PREVISTI

(monitorati annualmente)

 

 

  • Supportare la scelta della scuola superiore
  • Miglioramento dei dati forniti dall’indagine EDUSCOPIO*
  • Favorire scelte consapevoli da parte degli studenti dopo il diploma
  • Offrire il possesso dei prerequisiti richiesti nei differenti percorsi universitari

 

 

RISORSE PREVISTE

 

 

  • Figura professionale orientamento
  • Docenti su posto comune (progetti)
  • Docenti potenziamento

 

 

 

Ambiente per l’apprendimento (Macro Ambito 2)

 

Ambito 2.1: area metodologica (Tabella riassuntiva)

 

Ambito 2.1

AREA METODOLOGICA

 

OBIETTIVI

 

 

  • Elaborazione di un curricolo per competenze
  • Favorire omogeneità nella valutazione
  • Promuovere progettualità volte all’innovazione della didattica

 

 

DESCRIZIONE DELLE AZIONI

 

 

 

 

TRAGUARDI PREVISTI

(monitorati annualmente)

 

 

  • Uniformare i criteri di valutazione all’interno del dipartimento
  • Rinnovamento didattico metodologico nel processo di insegnamento/apprendimento
  • Promuovere l’apprendimento trasversale tra le discipline

 

 

RISORSE PREVISTE

 

 

  • Coordinatori di classe
  • Responsabili di dipartimento
  • Docenti su posto comune
  • Docenti potenziamento
  • (Progetto PdM “olbi@improvement”)

 

 

Ambito 2.2: area relazionale (Tabella riassuntiva)

 

Ambito 2.2

AREA RELAZIONALE

 

OBIETTIVI

 

 

  • Promuovere il senso di responsabilità e instaurare un clima positivo e collaborativo all’interno della comunità scolastica

 

 

DESCRIZIONE DELLE AZIONI

 

 

 

 

TRAGUARDI PREVISTI

(monitorati annualmente)

 

 

  • Definizione di strumenti e criteri per la valutazione delle competenze di cittadinanza
  • Riduzione del numero delle entrate in ritardo e delle uscite anticipate da parte degli studenti
 

RISORSE PREVISTE

 

 

  • Docenti

 

 

 

 

Ambito 2.3: scuola, territorio e rapporti con le famiglie (Tabella riassuntiva)

 

Ambito 2.3

SCUOLA, TERRITORIO E RAPPORTI CON LE FAMIGLIE

 

OBIETTIVI

 

 

  • Promozione di partenariati e reti con altre scuole per formazione, confronto e collaborazione su progetti comuni e acquisizione di buone pratiche.  collaborazioni con enti del territorio volte al miglioramento dell’offerta formativa
  • Sviluppo di un dialogo costruttivo con le famiglie

 

 

DESCRIZIONE DELLE AZIONI

 

 

 

 

TRAGUARDI PREVISTI

(monitorati annualmente)

 

 

  • Incrementare la partecipazione a reti di scuole
  • Incrementare i momenti di incontro con il Comitato genitori
  • Incrementare la fruizione del patrimonio librario anche all’utenza esterna
  • Aumentare la fruizione degli spazi dell’istituto al territorio

 

 

RISORSE PREVISTE

 

 

  • Docenti su posto comune (progetti)
  • F.S. Responsabile comunicazione
  • Responsabile sito web
  • Docenti di potenziamento
  • Segreteria

 

 

 

Ambito 2.4: area organizzativa (Tabella riassuntiva)

 

Ambito 2.4

AREA ORGANIZZATIVA

 

OBIETTIVI

 

 

  • Garantire una struttura organizzativa orientata al buon funzionamento delle attività proposte

 

 

DESCRIZIONE DELLE AZIONI

 

 

 

 

TRAGUARDI PREVISTI

(monitorati annualmente)

 

 

  • Incrementare le dotazioni informatiche e i supporti didattici interattivi
  • Assicurare una tempestiva manutenzione delle apparecchiature
  • Riqualificazione spazi e aule speciali
  • Reperimento nuovi locali

 

 

RISORSE PREVISTE

 

 

  • Coordinatori classe e docenti responsabili uscite e viaggi
  • Staff di direzione
  • Docenti potenziamento
  • Segreteria
  • Assistenti tecnici
  • Progetti

 

 

 

Ambito 2.5: risorse umane (Tabella riassuntiva)

 

Ambito 2.5

RISORSE UMANE

 

OBIETTIVI

 

 

  • Valorizzare il personale (docente e ATA) per supportare le iniziative proposte
  • Formazione docenti su metodologie didattiche innovative
  • Formazione personale ATA su tematiche interesse

 

 

DESCRIZIONE DELLE AZIONI

 

 

 

 

TRAGUARDI PREVISTI

(monitorati annualmente)

 

 

  • Rilevare le esigenze formative del personale
  • Incrementare n. docenti con certificazione linguistica (in funzione delle attività CLIL, ESABAC)
  • Attività di aggiornamento del personale ATA per acquisizione di competenze informatiche
  • Attribuire incarichi sulla base delle competenze del personale

 

 

RISORSE PREVISTE

 

 

  • FS formazione docenti
  • Staff di direzione
  • Docenti
  • Personale ATA
  • Progetto “La mia scuola sicura”

 

 

 

Ambito 2.6: valutazione (Tabella riassuntiva)

 

Ambito 2.6

VALUTAZIONE

 

OBIETTIVI

 

 

  • Definizione e utilizzo di procedure rigorose ed efficaci, con l’uso di strumenti specifici e di indicatori misurabili, per il monitoraggio e la verifica delle azioni pianificate

 

 

DESCRIZIONE DELLE AZIONI

 

 

 

 

TRAGUARDI PREVISTI

(monitorati annualmente)

 

 

  • Costruzione di un sistema di raccolta dati
  • Introduzione sistematica di questionari al personale, agli studenti e ai genitori

 

 

RISORSE PREVISTE

 

 

  • Responsabile qualità
  • NIV
  • Docenti su posto comune (progetti)
  • Progetto Olbi@improvement: rete con L.S. Mossa, ITCT Panedda, IIS Amsicora di Olbia. Avviso pubblico n.937 15.09.15 progetti Piano di Miglioramento per azioni innovative per la definizione e attuazione degli interventi di miglioramenti

 

 




IL LICEO CLASSICO

 

aristotele

Il Liceo classico è legato allo studio della civiltà classica e della cultura umanistica. Fornisce una formazione culturale completa, letteraria, storica e filosofica finalizzata a comprendere il ruolo della civiltà e delle tradizioni occidentali nel mondo attuale. Favorisce l’acquisizione di un metodo di studio rigoroso proprio degli studi classici che, all’interno di un quadro culturale in cui si riserva attenzione anche alle scienze Dantematematiche, fisiche e naturali, consente di cogliere le intersezioni fra i saperi e di elaborare una visione critica della realtà. Il liceo classico mira a valorizzare e favorire lo sviluppo di una formazione di una solida preparazione culturale adatta ad affrontare qualsiasi tipo di percorso universitario ed una base sulla quale costruire il proprio futuro professionale.

 

Il Liceo linguistico

linguistico2

Il Liceo linguistico è legato allo studio di più sistemi linguistici e culturali. Mira ad approfondire e a sviluppare le conoscenze e le abilità e a maturare le competenze necessarie per acquisire la padronanza comunicativa di tre lingue oltre l’italiano.  Sviluppa la comprensione critica dell’identità storica e culturale di tradizioni e civiltà diverse” .

Fornisce, in due lingue moderne (francese e inglese) strutture, modalità e competenze  comunicative corrispondenti almeno al Livello B2 del Quadro Comune Europeo di Riferimento e in una terza lingua moderna, spagnolo o tedesco, strutture, modalità e competenze  comunicative corrispondenti almeno al Livello B1 del Quadro Comune Europeo di Riferimento. Il solido impianto formativo di tipo liceale crea una base culturale adatta ad affrontare qualsiasi tipo di percorso universitario ed un valido strumento per inserirsi  nel mondo lavorativo. Nel classico e nel linguistico si  prevede l'insegnamento di una disciplina non linguistica, secondo la metodologia didattica CLIL (Content and Language Integrated Learning) compresa nell’area delle attività e degli insegnamenti obbligatori per tutti gli studenti o nell’area degli insegnamenti attivabili dalle istituzioni scolastiche nei limiti del contingente di organico ad esse annualmente assegnato. Nel nostro liceo la sperimentazione parte fin dal primo anno.

Sperimentazione ESABAC

flag-france

A partire dall’a.s. 2012/13 il liceo è tra le scuole autorizzate dal Ministero ad attuare il progetto ESABAC a partire dalla classe terza del liceo linguistico.

Il progetto, sulla base dell’Accordo Italo-Francese sottoscritto il 24 febbraio 2009, stabilisce le condizioni e le modalità di rilascio di un diploma binazionale (Esame di Stato e Baccalauréat), valido a tutti gli effetti nei due Paesi a seguito di un Esame finale integrato da specifiche prove di competenza.

Per raggiungere queste competenze il percorso di formazione stabilisce le relazioni fra la cultura francese e quella italiana mettendo a confronto in  particolare, lo studio delle opere letterarie contenute nel “Programma di lingua e letteratura italiana e francese per il rilascio del doppio diploma ESABAC elaborato dal MIUR.

La Disciplina Non Linguistica oggetto di studio, individuata dal ministero, è Storia; gli obiettivi da conseguire sono la costruzione di  una cultura storica comune ai due Paesi,  fornire agli studenti gli strumenti per la comprensione del mondo contemporaneo e prepararli ad esercitare la propria responsabilità di cittadini.

Sperimentazione lab ARTE

pittore3

Tipologia di azione:

Laboratori di Tecniche artistiche con riferimenti alla Storia dell’Arte e ai Beni Culturali.

 

Destinatari:

Primo biennio di una sezione del Liceo Classico

Primo biennio di una sezione del Liceo Linguistico

 

Sommario:

Immagine1Il corso prevede tre aree di intervento:

  • Laboratori di tecniche artistiche antiche e moderne;
  • Percorsi tematici nel mondo dell’Arte (in relazione alle tecniche artistiche analizzate);
  • I Beni Culturali. Legislazione, Conservazione, Restauro e Valorizzazione dei beni Culturali.

 

 Motivazione:

Il progetto mira, in generale, al potenziamento della Storia dell’Arte. Tale potenziamento consentirebbe agli alunni coinvolti di entrare in contatto con la disciplina già dal primo biennio e permetterebbe loro di acquisire obiettivi Immagine3che costituirebbero utili prerequisiti per il prosieguo dello studio della disciplina dal terzo anno in poi.

La metodologia laboratoriale faciliterà l’apprendimento di contenuti teorici propri della disciplina e contribuirà a motivare lo studente.

L’attenzione posta poi al tema dei Beni Culturali consentirà agli studenti di acquisire consapevolezza del grande valore culturale del patrimonio archeologico, architettonico e artistico del nostro paese, conoscendone dunque questioni relative alla tutela, alla conservazione e al restauro.Immagine3

 

 

Sperimentazione DEUTSCH plus

flag-deutsch

Tipologia di azione:

corso linguistico di tedesco

Destinatari:

Dal primo al quarto anno di una sezione del Liceo Classico

Dal primo al quarto anno di una sezione del Liceo Linguistico con 3° lingua spagnolo

 

Sommario:

Il corso prevede una preparazione linguistica per il conseguimento delle certificazioni europee.

 

 Motivazione:

Il progetto mira, in generale, al potenziamento delle competenze nelle lingue straniere. Tale potenziamento, consigliato e supportato dall’Unione Europea, consentirebbe agli alunni coinvolti di acquisire certificazioni linguistiche internazionali spendibili nel mercato del lavoro e nel proseguo degli studi in dimensione internazionale.

 

Cold-War

 

Rete: LC Siotto, LC Canololeno, LS Pacinotti, tema: «La Guerra Fredda» («The Cold War»). Comparazione di documenti autentici con lettura, visione, analisi di varie tipologie testuali blocco NATO/Patto di Varsavia (testi politici, militari, film, foto, poster propagandistici, ecc.). DNL e DL coinvolti: storia, geografia, esperti politologi e giornalisti, letterature, scienze, produzioni artistiche varie a tutto campo, ecc.

Le studentesse/gli studenti utilizzeranno creativamente (secondo modalità laboratoriale e del cooperative learning: «protagonismo studenti») l’ICT nel processo d’apprendimento e produrranno dei lavori finali.

Autoformazione/formazione docenti su metodologia CLIL.

certificazioni linguistiche

I programmi curricolari del Liceo Linguistico sono stati studiati per permettere di sostenere l’esame per il conseguimento delle certificazioni internazionali

  • PET, FCE o equivalente livello per l’inglese
  • DELF per il francese
  • DELE per lo spagnolo
  • FIT1 e FIT2 per il tedesco

Queste certificazioni, oltre a costituire un titolo immediatamente spendibile in campo lavorativo, sono riconosciute come credito da molte università italiane e straniere.

La scuola, su richiesta delle famiglie, organizza corsi pomeridiani extracurricolari per rinforzare la preparazione agli esami di certificazione.

etwinning_llp_logosIl nostro istituto partecipa da molti anni al programma eTwinning una community europea di insegnanti attiva nel promuovere i gemellaggi elettronici tra scuole, L’iniziativa favorisce nel un’apertura alla dimensione comunitaria dell’istruzione, nell’ottica di contribuire a creare e fortificare un sentimento di cittadinanza europea condiviso nelle nuove generazioni.

L’azione si realizza attraverso una piattaforma online che rende possibile l’attivazione di progetti di gemellaggio elettronico tra scuole europee primarie e secondarie, coinvolgendo direttamente gli insegnanti in una comunità virtuale dove è possibile conoscersi e collaborare in modo semplice, veloce e sicuro.

erasmus+

 

Il nuovo programma europeo a supporto dell’istruzione, la formazione, gioventù e sport, sostituisce e integra il Lifelong Learning Program per i prossimi 7 anni. L’adesione della scuola a questo programma di mobilità e partenariato risponde a precise esigenze didattiche e di apprendimento. La formazione dei docenti e di tutto il personale della scuola, la mobilità degli allievi, i partenariati tra istituti scolastici di vari Stati membri, l’apprendimento di lingue straniere e il miglioramento della qualità e della dimensione europea sono gli obiettivi operativi del programma, ma soprattutto di una scuola che intende sviluppare nei suoi alunni la conoscenza e la comprensione della diversità culturale e linguistica europea e del suo valore, aiutare i suoi allievi ad acquisire le competenze necessarie per la vita ai fini dello sviluppo personale, dell’occupazione e della cittadinanza europea, stabilire una solida base per lo sviluppo di una comune identità europea attraverso lo scambio interculturale.

Al suo rientro lo studente dovrà fornire tutta la documentazione richiesta dal Consiglio di Classe che dovrà valutare le competenze acquisite. Inoltre lo studente dovrà integrare il piano di studi con le materie non oggetto di studio durante il soggiorno all’estero (vedi Regolamento)

1.2.1 f) Mobilità studentesca internazionale

erasmus+

 

La scuola partecipa da anni all’opportunità offerta dalla Comunità Europea che permette agli istituti richiedenti di ospitare studenti universitari stranieri provenienti da diversi paesi per attività di traineeship (ex Assistentato Comenius), beneficiando così dell’opportunità di introdurre e rinforzare nell’istituto la dimensione europea, sviluppare la consapevolezza culturale e l’apertura al confronto, accrescere l'interesse degli alunni per il Paese di provenienza dell’assistente.

L’assistente è un futuro insegnante di qualsiasi materia che ha terminato o sta concludendo il proprio percorso accademico, ma che non ha ancora svolto la professione di insegnante in maniera regolare.

L'assistente rappresenta per la scuola che lo ospita una risorsa per:

  • Assistere il docente durante le ore di lezione e contribuire alle varie attività didattiche
  • Insegnare la propria lingua madre e fornire informazioni sul proprio paese d’origine
  • Insegnare la lingua o le lingue straniere conosciute
  • Insegnare la disciplina oggetto dei propri studi
  • Sviluppare e realizzare altri progetti comunitari (gemellaggi elettronici eTwinning, partenariati scolastici etc.)
  • Fornire sostegno ad alunni con particolari esigenze educative o bisognosi di un sostegno particolare
  • Introdurre e rafforzare la dimensione europea nell’istituto ospitante

La presenza di assistenti, negli ultimi anni, ha permesso alla scuola di offrire gratuitamente ai propri alunni corsi pomeridiani di russo (A.S. 2013/14) di canto (A.S. 2012/13), di musica.

LogoAlternanzaScuola

 

L’alternanza scuola lavoro, con la legge 107/2015 (commi 33-43), diventa un obbligo anche nei Licei (almeno 200 ore complessive nel triennio) pertanto i consigli di classe, a partire dal primo anno del secondo biennio (quindi già nel corso di quest’anno scolastico) dovranno progettare percorsi di alternanza da inserire annualmente nel Piano triennale. L’impianto progettuale dovrà tener conto delle seguenti finalità:

  • favorire lo sviluppo nei giovani di una maggiore capacità di adattamento ai mutamenti tecnologici ed economici, una maggiore iniziativa personale, nonché specifiche attitudini alla flessibilità nel rispondere alle trasformazioni ed innovazioni della realtà lavorativa;
  • realizzare esperienze dirette delle realtà lavorative con le quali entreranno in contatto al termine del percorso scolastico e nel contempo iniziare a sviluppare, con la progettazione di specifici e mirati moduli di accompagnamento/orientamento, capacità relazionali, comunicative ed organizzative indispensabili per il successivo ed efficace inserimento nel mondo del lavoro.

I percorsi di alternanza potranno svolgersi sia in strutture produttive, che in ordini professionali, musei, Enti pubblici, ecc. e dovranno essere adeguatamente certificati e valutati.

L’Alternanza deve essere quindi vista e realizzata come una metodologia didattica, che da un lato mette in situazione (e quindi trasforma in competenze) le conoscenze curricolari, dall’altro può acquistare una valenza orientativa, favorendo negli studenti, attraverso il bilancio delle competenze, le future scelte lavorative e universitarie.

 

A_scuola_opencoesione_

 

La scuola partecipa all’iniziativa «A scuola di open coesione» (ASOC), un percorso innovativo e interdisciplinare, promosso dal MIUR, volto all’educazione degli studenti al monitoraggio civico dei finanziamenti pubblici, a partire dall’uso di dati in formato aperto (open data).

Gli studenti saranno condotti a progettare, approfondire, analizzare, esplorare e raccontare, anche attraverso i social media, attività che favoriscono l’acquisizione delle competenze chiave di cittadinanza.

In particolare, ASOC unisce educazione civica, competenze digitali, statistiche e data journalism, nonché competenze trasversali quali sviluppo di senso critico, problem-solving, lavoro di gruppo e abilità interpersonali e comunicative, per produrre narrative d’impatto a partire dai dati sugli interventi finanziati dalle politiche di coesione (disponibili sul portale www.opencoesione.gov.it) che si integrano con i contenuti delle materie ordinarie di studio.

I gruppi di studenti partecipanti sono coinvolti in molteplici attività, che implicano l’apprendimento e l’impiego di tecniche di ricerca quantitativa e qualitativa sul proprio territorio, la produzione e l’analisi di dati e relative visualizzazioni interattive, l’uso di forme di comunicazione innovativa e la consapevolezza di norme, regole e modalità tecniche di pubblicazione dei risultati del proprio progetto in diverse forme cross-mediali, tra cui il blog del percorso ASOC.

cittadinanza e costruzione

 

Il senso di appartenenza e con esso la consapevolezza di essere inserito in un sistema di regole fondato sulla tutela e sul riconoscimento dei diritti e dei doveri sono elementi fondanti per l’educazione alla convivenza e all’esercizio attivo della cittadinanza. La partecipazione responsabile del cittadino alla vita sociale permette di ampliare gli orizzonti culturali nella difesa dell’identità personale e nella comprensione dei valori dell’inclusione e dell’integrazione.

La scuola si attiva per creare un percorso che sostenga lo sviluppo nell’alunno di competenze civiche e sociali fondamentali al suo percorso educativo e formativo, attraverso la conoscenza del diritto, inteso anche come «regole a tutela dell’interesse collettivo» e la conoscenza degli accadimenti quotidiani giuridicamente rilevanti.

La scuola è l'ambiente educativo ideale per la conoscenza, lo studio, la riflessione critica, l'indagine politica e sociale sulle tematiche costituzionali. La collaborazione fra Senato della Repubblica, Camera dei Deputati e Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, avviata per avvicinare i giovani ai valori e ai principi della Carta costituzionale, ha trovato – fin dall’anno scolastico 2007/2008 in occasione del 60° anniversario della Costituzione italiana – un comune impegno, che ha prodotto ottimi e concreti risultati. E nella consapevolezza, inoltre, che esperienze di questo tipo producano effetti non secondari sul piano didattico e formativo perché accrescono negli studenti le capacità di svolgere indagini documentate, di comunicare efficacemente, di lavorare in gruppo, di confrontarsi e sottoporsi alla valutazione esterna. Le scuole sono chiamate a presentare un progetto per la realizzazione di un’elaborazione originale volta ad approfondire e illustrare il significato e l’applicazione nel loro territorio di uno dei principi della Costituzione.

La nostra scuola ha aderito all’iniziativa educazione stradale sperimentale promossa   dal Comune di Olbia «Assessorato per la Sicurezza in Città» in collaborazione con la Polizia locale rivolto alle classi quinte delle Scuole Medie Superiori. Nel progetto, attraverso lezioni di teoria e pratica, saranno affrontati i temi della sicurezza stradale legati alla percezione del rischio derivanti dalla mancata osservanza delle più importanti norme del codice della strada (uso corretto della cintura di sicurezza, del casco protettivo, guida in stato d’ebbrezza correlata all’assunzione di sostanze alcoliche, stupefacenti).

spiaggia-rosa-71

 

La nostra scuola, già da diversi anni, intende trasmettere negli alunni una coscienza ecologica, anche tramite la raccolta differenziata. Proprio per tale finalità sono stati dislocati nella scuola numerosi contenitori per la raccolta differenziata della carta, della plastica e dell’alluminio.

La campagna informativa con le indicazioni riguardo una corretta raccolta viene attivata all'inizio di ogni anno scolastico attraverso cartelloni didattici e video.

La scuola aderisce ad iniziative di solidarietà anche nel settore del volontariato collaborando con associazioni e organizzazioni umanitarie (es. AVIS, AIRC, Caritas, Villa Chiara Olbia)

In conformità con i contenuti la C.M. n.368/1985, il Collegio indirizza verso contenuti formativi legati al senso di cittadinanza e ai diritti umani delibera all’unanimità di individuare il tema dei diritti umani e le problematiche storico-sociali a esso connesse per la programmazione delle attività alternative e individua nei docenti della classe di concorso A037 idonei a svolgere tale compito, seguita dalle classi di concorso A052, A051, A050.

La scuola, dal 2011, aderisce al progetto didattico Cloud schooling, che mette a disposizione di docenti e studenti una piattaforma finalizzata all’apprendimento personalizzato, con tutor on-line che assistono lo studente nello svolgimento di esercizi e compiti in più discipline (italiano, latino, greco, lingue straniere, filosofia). La piattaforma è stata creata da Maieutical Labs in collaborazione con l'Agenzia Nazionale per l’Autonomia Scolastica (ANSAS) del MIUR (Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Italiano), e con la Fondazione Giovanni Agnelli (FGA), che da anni si occupa di monitorare e studiare l’andamento della scuola in Italia e in Europa.

Il lavoro con classi virtuali consente di confrontare i risultati dei propri alunni con la media nazionale; permette inoltre di organizzare recuperi individuali e di gruppo. I risultati ottenuti sono monitorati passo dopo passo con una griglia di competenze elaborata a partire dalle Indicazioni Nazionali.

Archiviazione e condivisione di materiale didattico

  1. Google Sites - finalità:
  1. Comunicazioni quotidiane del docente alla classe
  2. Archiviazione delle programmazioni
  3. Archiviazione delle griglie di valutazione
  4. Archiviazione delle comunicazioni alla classe
  5. Archiviazione delle letture digitali prodotte dal docente
  6. Link a materiale didattico presente nel web (es. videolezioni su YouTube)
    1. Dropbox - finalità:
  7. Archiviazione e condivisione dei lavori degli alunni (testi, presentazioni, video, ecc.)
    1. Google Drive - finalità:
  8. Utilizzazione per l'analisi testuale e la scrittura condivisa attraverso l'uso delle sue funzionalità, in particolare della funzione "Commenti"

Il Liceo “Gramsci” di Olbia, con l’obiettivo di rendere un servizio sempre più qualificato ai suoi studenti, ai docenti, al personale ATA, alle scuole e in generale al territorio ha sottoscritto un accreditamento con CERTIPASS, unico Ente erogatore delle certificazioni EIPASS (European Informatics PASSport), al fine di promuovere l’erogazione di certificazioni attestanti il possesso di competenze digitali di base e avanzate. Il Liceo Gramsci, in qualità di affiliato CERTIPASS, può accreditare gratuitamente come Ei-Center, ovvero Sede di esami autorizzata all’erogazione delle suddette certificazioni, Istituzioni scolastiche di ogni ordine e grado, pubbliche o private, Università pubbliche e private, Enti pubblici, Enti di formazione professionale no profit, Aziende commerciali private, Organismi di formazione, Operatori del settore ICT.

Nell’Ei-Center, oltre a sostenere gli esami, è possibile seguire corsi di formazione finalizzati al conseguimento delle Certificazioni Informatiche EIPASS.

Utilità delle certificazioni EIPASS

  • Agli studenti delle scuole e delle università: L'EIPASS è un titolo valido per ottenere crediti formativi.
  • Ai docenti delle scuole di ogni ordine e grado: EIPASS rappresenta una efficace integrazione dei Piani dell’Offerta Formativa attivati nelle scuole, rendendone ufficiali gli esiti attraverso un esame erogato da un ente esterno alla Scuola (Certificazione delle competenze base).
  • Al personale A.T.A.: l'EIPASS è un titolo valido per l'inserimento e l'aggiornamento delle graduatorie A.T.A. dalla prima alla terza fascia di istituto.
  • Ai dipendenti della pubblica amministrazione ai fini dell’avanzamento in carriera.
  • A coloro che devono sostenere un concorso pubblico: L'EIPASS è un titolo valido come ulteriore credito.
  • A tutti coloro che sono in cerca di lavoro: L'Eipass è una certificazione riconosciuta a livello internazionale, molto utile da inserire nel proprio curriculum in quanto garantisce, alle aziende in fase di selezione del personale, il possesso nei candidati di corrette competenze in ambito ICT, requisito oramai indispensabile per l’inserimento nei vari contesti lavorativi.

Si tratta di una metodica della didattica attiva che mira a sviluppare un tipo di apprendimento riflessivo e meta-cognitivo in alternativa allo studio di superficie e di prestazione. Il docente costruisce le unità di apprendimento prevedendo delle pause che permettano di avere un immediato feedback della qualità della didattica tramite la somministrazione di questionari (a scelta multipla, a risposta aperta, vero falso) tali da fornire un quadro attendibile della situazione cognitiva. La costruzione dei questionari risulta molto impegnativa per il docente che in questa fase fa valere le proprie competenze specifiche e la diretta conoscenza delle potenzialità degli studenti; tuttavia risulta altrettanto proficua la raccolta dei dati che se effettuata su piattaforme tipo Socrative e quindi anche con gli smartphone o con i risponditori delle lavagne multimediali consente di ricalibrare con dettaglio i successivi interventi didattici oltre che fornire una banca data utile per il miglioramento complessivo del metodo. Laddove sperimentato questo metodo è risultato efficace per il coinvolgimento degli alunni poco motivati o poco partecipi perché timidi; in effetti la mediazione effettuata dai risponditori (clickers) coinvolge gli studenti limitando le interferenze emotive legate al confronto.

Attraverso l’iniziativa «L’edicola in classe» i docenti offrono agli studenti l’opportunità di partecipare, da protagonisti, al progetto Repubblica@scuola e/o il Quotidiano in classe (Corriere della sera - digital edition), in versione digitale.

Entrambi i progetti mettono a disposizione degli studenti uno spazio in cui realizzare il giornale scolastico, su cui pubblicare articoli e confrontarsi con i giornalisti, ottenendo crediti formativi e partecipando a concorsi editoriali. Inoltre, consentono la lettura e la conseguente analisi di gruppo del quotidiano e dei suoi inserti, la ricerca nell’archivio messo a disposizione dagli editori, il salvataggio di articoli con cui creare dossier tematici.

http://scuola.repubblica.it/sardegna-olbiatempio-lcgramsci/

http://www.osservatorionline.it/page/383/quotidiano

Scoop.it - finalità:

  • Produzione delle tracce delle esercitazioni da svolgersi in classe in modalità di lavoro di gruppo. Nello scoop sono indicati sia il lavoro che gli allievi devono svolgere anticipatamente a casa, sia le tracce delle esercitazioni da svolgersi in classe nella modalità del cooperative learning.

Pinterest - finalità:

  • Sistemazione ordinata dei materiali prodotti dal docente; ad esempio, la bacheca corrisponde al modulo, il pin alla singola unità didattica
  • Condivisione degli scoop in funzione delle esercitazioni in classe, secondo modalità interattive e laboratoriali
  • Conclusione dell'esercitazione attraverso un commento in cui ogni gruppo esprime una propria valutazione intorno al significato dell'esperienza di apprendimento

Si tratta di un’opzione offerta da molteplici tipologie di registri elettronici.

I docenti possono archiviare i contenuti delle lezioni in vari formati (preferibili quelli più leggeri) che vanno a costituire un repertorio sempre disponibile per gli alunni. Le risorse possono essere attinte anche dai genitori con le credenziali di accesso fornite dalla scuola. Questa opportunità permette agli studenti assenti di recuperare agevolmente quanto perso o di seguire il percorso didattico anche a studenti che sono costretti a lasciare l’aula per lunghi periodi. Non è superfluo sottolineare che anche questa nuova applicazione favorisce la trasparenza e l’accessibilità della didattica.

Dal 2013 il Liceo ha aderito alla rete di scuole di tutta Italia, che lavorano alla realizzazione di materiali didattici prodotti dai docenti per i propri studenti; la struttura del Book in Progress, consente di variare, sulla base delle esigenze didattiche, formative e degli apprendimenti degli allievi, i contenuti da trasmettere.

Con tale iniziativa, si valorizza la funzione docente e si concretizza la personalizzazione degli interventi formativi.

Oltre al vantaggio sotto il profilo di una progettazione didattica sempre più vicina all'identità e ai bisogni dei nostri studenti, ciò fa risparmiare notevoli risorse economiche alle famiglie, le quali possono essere reinvestite in tecnologia avanzata.

Il progetto Book in progress nasce da questa riflessione e dalla certezza che ogni singola istituzione scolastica ha una enorme potenzialità. Book in progress vuol liberare questa potenzialità e renderla funzionale al successo formativo. Il punto focale è lo studente, che è al centro del processo.

La formazione ha l’obiettivo di sviluppare le conoscenze e le competenze per un efficace utilizzo delle ICT nella didattica e ciò avviene attraverso un cambiamento di approccio, tecniche di insegnamento, ambiente, contesto ma anche, semplicemente, attraverso l’utilizzo di nuovi strumenti a supporto dell’insegnamento.

La maggioranza dei docenti dell’istituto ha seguito nel 2015 l’azione formativa promossa dalla Regione Sardegna (Progetto Scuola Digitale), condotta dai Master Teacher, con il supporto del Meta Master Teacher, finalizzata a creare una comunità di pratica entro la quale si sviluppano processi di condivisione di competenze e di esperienze in una logica disciplinare e interdisciplinare e soprattutto di crescita professionale.

L’uso delle LIM e delle TIC nella didattica è praticato da molti docenti che stanno sperimentando nuove metodologie didattiche per motivare gli alunni, migliorare la qualità dell’istruzione e per formare cittadini competenti e capaci di affrontare le sfide del domani.

Il liceo Gramsci ha individuato il docente che ricoprirà il ruolo di animatore digitale, insegnante con spiccate capacità organizzative che avrà il compito di seguire, per il prossimo triennio, il processo di digitalizzazione della scuola di appartenenza. Sarà chiamato ad organizzare attività e laboratori per formare la comunità scolastica sui temi del PNSD; a individuare soluzioni metodologiche e tecnologiche sostenibili (ambienti di apprendimento integrati, biblioteche multimediali, ammodernamento di siti internet etc.); a lavorare per la diffusione di una cultura digitale condivisa tra tutti i protagonisti del mondo dell’istruzione, stimolando soprattutto la partecipazione e la creatività degli studenti.

Il Liceo Gramsci si pone la finalità prioritaria di costruire una vera cultura dell’integrazione, mirante a superare il semplice inserimento; ciò nella consapevolezza che la scuola è il luogo privilegiato per conseguire obiettivi educativi volti a ricercare una maggiore solidarietà tra individui e gruppi, ma anche a utilizzare la diversità quale preziosa opportunità di crescita dell’intero gruppo. Pertanto, secondo la sua tradizione di accoglienza, di apertura e collaborazione, si propone di potenziare la cultura dell’inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di ogni alunno che, con continuità o per determinati periodi, manifesti Bisogni Educativi Speciali.  Per garantire un adeguato sostegno all’integrazione degli alunni con BES, DSA e con disabilità è attivo il Gruppo operativo GLI e il gruppo GLH.

Negli ultimi anni si è registrato un consistente aumento numerico che interessa sia alunni provenienti dalla città di Olbia, sia la componente degli alunni stranieri, sia la componente di pendolari (provenienti dall’hinterland e non solo), evidentemente in situazioni e provenienze socio-economiche diverse.

Tale multietnicità e varietà di situazioni di partenza richiede un forte impegno da parte di tutte le componenti dell’Istituto per mettere in atto buone pratiche di integrazione e accoglienza.

A questo proposito obiettivo principale è la riduzione delle barriere che limitano l’apprendimento e la partecipazione sociale, con l’utilizzo di facilitatori e l’analisi dei fattori contestuali, sia ambientali sia personali, attraverso le seguenti strategie:

  • creare un ambiente accogliente e supportivo
  • sostenere l’apprendimento sviluppando attenzione educativa in tutta la scuola: promuovere culture politiche e pratiche inclusive attraverso una più stretta collaborazione fra tutte le componenti della comunità educante;
  • promuovere l’attiva partecipazione di tutti gli studenti al processo di apprendimento;
  • centrare l’intervento sulla classe come modalità privilegiata per l’inclusione dell’alunno con BES;
  • favorire l’acquisizione di competenze collaborative;
  • definire pratiche condivise all’interno dell’Istituto in tema di accoglienza degli alunni stranieri;
  • facilitare l’inserimento degli alunni in un adeguato clima di accoglienza;
  • favorire un rapporto collaborativo con le famiglie;
  • creare una rete di comunicazione e collaborazione con la scuola di provenienza degli studenti;
  • prevenire le situazioni di disagio e i fenomeni di abbandono e dispersione scolastica riguardanti studenti in una condizione di potenziale svantaggio, attraverso una maggiore efficacia comunicativa/linguistica che permetta agli studenti stranieri e non di partecipare in modo proficuo alle attività delle proprie classi di appartenenza;
  • promuovere valori quali il rispetto delle diverse culture e la valorizzazione delle identità di provenienza;
  • promuovere la comunicazione e la collaborazione fra l’istituto e il territorio sui temi dell’accoglienza e dell’educazione interculturale nell’ottica di un sistema formativo integrato (associazioni di volontariato che operano sul territorio, mediatori, CTP, servizi socio-assistenziali).

A livello di gruppo- classe, si lavorerà secondo le seguenti strategie:

  • utilizzo dei modelli di apprendimento cooperativo e di tutoring;
  • potenziamento del metodo di studio e recupero dei prerequisiti soprattutto nelle classi prime durante la prima fase del lavoro in classe;
  • attivazione di percorsi inclusivi;
  • chiarezza nell’esposizione degli obiettivi e delle finalità;
  • elaborazione chiara dei livelli minimi attesi per le varie discipline.

Verifica e valutazione:

Nella programmazione educativa individualizzata (PEI) e nel PDP appositamente redatto dal CDC per gli alunni con BES, si promuoveranno itinerari che favoriscano l’autonomia personale, sociale e didattica, limitando quanto possibile la dipendenza dell’alunno dal docente per le attività di sostegno e curricolari.

Si svilupperanno tutti i raccordi possibili con la programmazione della classe in modo da favorire l’inclusione dell’alunno.

Le attività si svolgono per tutti prevalentemente in classe, solo in casi rari ed eccezionali si possono prevedere attività in rapporto uno a uno.

L’inclusione, come tutti i processi, riscontra anche punti di criticità. In particolare si segnalano:

  • ridotto numero delle risorse di sostegno a favore degli alunni con disabilità;
  • elevato numero di alunni stranieri solo parzialmente alfabetizzati;
  • ridotte forme di sussidio da parte dei servizi sociali dei Comuni a favore delle famiglie con gravi problemi socio-economici;
  • ridotto numero di tecnologie digitali utili come strumenti compensativi;
  • scarsa conoscenza delle problematiche da parte delle famiglie e difficoltà di accettazione delle stesse;
  • difficoltà nel desumere, per gli alunni neo-iscritti, dalla documentazione presentata, informazioni sufficienti utili a prevedere eventuali BES per l’anno scolastico successivo;

Per meglio garantire un adeguato sostegno all’integrazione degli alunni con disabilità è attivo il Gruppo operativo GLH, costituito da:

Dirigente Scolastico, Docenti del Consiglio di Classe, Referente ASL, Insegnanti di sostegno, Genitori dell’alunno, Referente Enti Locali

 

Il Gruppo operativo glh

  • prende visione della diagnosi funzionale
  • definisce il profilo dinamico funzionale dell’alunno interessato
  • predispone il PEI (piano educativo individualizzato)
  • predispone interventi nell’ambito della extra-scuola

La scuola si avvale della collaborazione di enti pubblici e associazione (ASL, AVIS, AIDO), attraverso periodici incontri con esperti si affrontano tematiche legate alla salute dell'individuo volte alla prevenzione o a fronteggiare fenomeni di tabagismo, alcoolismo, uso di sostanze stupefacenti.

Scuola "NO SMOKING"

Tra gli obiettivi che la scuola persegue vi è quello che gli studenti acquisiscano comportamenti e stili di vita maturi e responsabili finalizzati allo star bene e improntati al rispetto alla convivenza civile e alla legalità e propone pertanto di:

  • prevenire l’abitudine al fumo
  • incoraggiare gli studenti a smettere di fiumare
  • garantire un ambiente sano di lavoro
  • proteggere i non fumatori dal fumo passivo
  • promuovere iniziative volte all’informazione e sensibilizzazione
  • favorire la collaborazione con le famiglie condividendo strategie di informazione e sensibilizzazione.

Il nostro Liceo, perseguendo il fine di tutelare la salute sul luogo di lavoro, ha applicato la normativa vigente in fatto di divieto di fumo nei locali della scuola.

 

Tenuto conto della valenza formativa e pedagogica dell’attività motoria – sportiva agonistica, la quale costituisce uno degli elementi fondamentali dello sport che deve mirare allo sviluppo e alla maturazione di ogni giovane alunno-atleta, il Liceo propone varie attività motorie che si concretizzeranno nella partecipazione ai giochi sportivi studenteschi. Durante il corso dell’anno scolastico sono previsti numerosi progetti di attività di preparazione alla pratica sportiva, competizioni e giochi studenteschi nelle discipline: PALLAVOLO, ATLETICA LEGGERA, CALCIO a 11, CALCIO a 5, BASKET.

Nell’ambito dell’azione formativa della nostra scuola le iniziative di sostegno e recupero hanno un ruolo importate. Queste attività sono programmate e attivate dal Consiglio di Classe, dal docente in relazione alle esigenze emerse, e possono attivate anche su richiesta dell’alunno in difficoltà.

Esse sono organizzate e articolate secondo modalità diverse e mirano a mettere lo studente in condizione di seguire con profitto la programmazione didattica dell'anno in corso e dei successivi, rimuovendo o riducendo le cause che gli non hanno consentito di raggiungere i livelli minimi degli obiettivi formativi e disciplinari.

Priorità:

  • gli interventi di recupero sono prioritariamente destinati agli alunni del biennio iniziale e al recupero delle discipline di indirizzo o che prevedono lo scritto. Si privilegiano le attività di recupero pomeridiane per le insufficienze più gravi (di norma non più di 2 discipline per alunno), orientando lo studente allo studio autonomo nel caso di insufficienze meno gravi e diffuse dovute a scarso impegno e scarsa frequenza.
  • intervenire dando priorità alle aree di indirizzo e alle materie forti comuni (area matematica, linguistica e scientifica evidenziate nel «paniere» OCSE-PISA). Modalità: ciascun CDC sceglierà tra le tipologie sotto indicate quella o quelle di cui avvalersi per il recupero degli studenti in difficoltà:
    • Recupero in itinere. Assegnazione di attività destinate al recupero delle lacune pregresse. Le attività proposte possono essere di diverso tipo: ripasso degli argomenti, attività di preparazione alle verifiche, revisione collettiva e/o individuale del programma in seguito alla correzione delle verifiche sulla base degli errori riscontrati e correzione collettiva e/o individuale dei compiti a casa;
    • attività di recupero delle carenze, consolidamento e potenziamento delle competenze, nonché approfondimento e valorizzazione delle eccellenze;
    • studio individuale assistito. Assegnazione di compiti suppletivi a casa, con il controllo e la verifica successiva da parte del docente;
    • sportello didattico
    • corsi di recupero pomeridiani

Corsi di recupero estivi per alunni con giudizio sospeso

Sono realizzati per favorire il raggiungimento degli obiettivi minimi fissati dal dipartimento disciplinare utilizzando gli approcci metodologici concordati a livello dipartimentale. I corsi della durata media di 10-14 ore sono strutturati in funzione dei bisogni formativi di ogni alunno.

Periodo di svolgimento dei corsi: nel periodo estivo (giugno luglio).

Calendario delle verifiche per gli alunni con giudizio sospeso:

  • Il calendario delle verifiche e degli scrutini finali viene pubblicato nel sito della scuola.

Modalità di comunicazione alle famiglie

  • I genitori sono informati attraverso il sistema Mastercom nella voce “Comunicazione” sulla natura delle carenze e sulle modalità del recupero.

 

 

Olimpiadi delle neuroscienze

Le Olimpiadi delle Neuroscienze costituiscono le fasi locale e nazionale della International Brain Bee (IBB): una competizione internazionale, a tre livelli, che mette alla prova studenti delle scuole medie superiori sul grado di conoscenza nel campo delle neuroscienze. Ragazzi e ragazze di tutto il mondo competono per stabilire chi ha il “miglior cervello” su argomenti come l’intelligenza, la memoria, le emozioni, lo stress, l’invecchiamento, il sonno e le malattie del sistema nervoso. L’obiettivo principale della competizione è accrescere fra i giovani l’interesse per lo studio della struttura e del funzionamento del cervello umano.

 

Olimpiadi di filosofia

Nell’ambito delle iniziative volte alla valorizzazione delle eccellenze il Liceo aderisce alla Gara nazionale promossa dalla Direzione Generale per gli ordinamenti scolastici e la valutazione del sistema nazionale di istruzione . Le Olimpiadi di Filosofia sono gare individuali aperte agli studenti e alle studentesse del secondo biennio e del quinto anno della scuola superiore di secondo grado e sono articolate in due canali: il canale A in lingua italiana; il canale B in lingua straniera (inglese, francese, tedesco o spagnolo). L’obiettivo è sviluppare nei futuri cittadini critical thinking, creatività, libertà di pensiero, autonomia di giudizio, per la costruzione di una cittadinanza globale.

Olimpiadi di italiano

Da alcuni anni il Liceo partecipa alle Olimpiadi di Italiano competizione organizzata dal Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca. Le Olimpiadi vogliono incentivare e approfondire lo studio della lingua italiana, elemento essenziale della formazione culturale di ogni studente e base indispensabile per l’acquisizione e la crescita di tutte le conoscenze e le competenze, sollecitare gli studenti a migliorare la padronanza della propria lingua e promuovere e valorizzare il merito, tra gli studenti, nell’ambito delle competenze linguistiche in Italiano.

Gare di matematica

Gli studenti eccellenti in campo matematico hanno l’opportunità di cimentarsi in differenti prove partecipando a competizioni, organizzate anche da enti esterni alla scuola, es. Centro PRISTEM dell’ Università Bocconi di Milano. I "Campionati internazionali di Giochi matematici" ad esempio, sono delle gare matematiche ma che, per affrontarle, non è necessaria la conoscenza di nessuna formula e nessun teorema particolarmente impegnativo. Gli studenti devono risolvere problemi con un enunciato divertente e intrigante che suscita curiosità; occorre voglia di giocare, un pizzico di fantasia e quell'intuizione che fa capire che un problema, apparentemente molto complicato, è in realtà più semplice di quello che si poteva prevedere.

La finalità del Corso di Formazione “Dislessia Amica” è quella di ampliare le conoscenze metodologiche, didattiche, operative e organizzative necessarie a rendere la Scuola realmente inclusiva per gli alunni con Disturbi Specifici di Apprendimento. Tale iniziativa è parte integrante del progetto nazionale “Dislessia Amica”, realizzato dalla Associazione Italiana Dislessia (AID) con Fondazione TIM e di intesa con il MIUR.
Il percorso di e-learning, che si avvale di materiale strutturato, video lezioni, indicazioni operative, approfondimenti, avrà una durata stimata di circa 40 ore e sarà suddiviso in 4 Moduli:
• MODULO 1: Competenze organizzative e gestionali della Scuola
32
• MODULO 2: Competenze osservative dei docenti per la progettazione efficace del PDP
• MODULO 3: Competenze metodologiche e didattiche
• MODULO 4: Competenze valutative

L’orientamento in ingresso prevede attività oramai consolidate come l’accoglienza degli studenti dell'ultimo anno delle scuole medie durante le ore di lezione, le visite a scopo informativo presso le scuole medie del territorio e l’Open day incontro con i genitori per far loro conoscere le caratteristiche dei nostri corsi di studio e le prospettive professionali e universitarie in uscita. In queste occasioni il Liceo, dicembre e gennaio apre le sue porte agli studenti dell'ultimo anno delle scuole medie e alle loro famiglie con l'intento di far conoscere l’istituto le sue strutture ma anche i suoi docenti che, a disposizione dei visitatori, rispondono a quesiti di varia natura dalla didattica alla metodologia che si segue nella scuola superiore.

Sono state attivati progetti di continuità con docenti referenti delle scuole medie del territorio, nella prospettiva di un confronto costruttivo volto alla condivisione di un percorso formativo lineare e coerente. “Sapersi orientare” consiste anche nel possedere strumenti emotivi e relazionali adatti ad affrontare fattori potenziali di disorientamento e disagio e in quest'ottica la scuola si avvale della collaborazione con il CIC.

Sono previste una serie di attività mirate ad accogliere nella nostra scuola gli studenti del primo anno per:

  • aiutarli nel processo di socializzazione;
  • supportarli e rinforzare le competenze imprescindibili per affrontare il nuovo percorso formativo;
  • renderli partecipi delle regole comportamentali;
  • far conoscere le strutture e le infrastrutture scolastiche, i servizi offerti;
  • infondere negli studenti un atteggiamento positivo nei confronti dello studio e dei ritmi di lavoro richiesti dal Liceo;

Durante le attività curricolari si coinvolgono gli alunni nel processo di apprendimento facendoli sentire protagonisti e quindi permettendo loro di acquisire un maggior senso di responsabilità, autonomia e consapevolezza delle proprie strategie, dei punti di forza e delle criticità della loro preparazione di base e del metodo di studio utilizzato. In alcuni casi ciò consente anche di riorientarli nella complessa realtà, formativa e lavorativa, offerta dal territorio.

L’orientamento in uscita si rivolge agli studenti del penultimo e ultimo anno del corso di studi al fine di renderli consapevoli delle proprie attitudini e degli interessi in vista della scelta post diploma. A tale scopo, saranno organizzati incontri con rappresentanti del mondo del lavoro e delle università e visite nelle sedi universitarie. Inoltre, è prevista la partecipazione a stage formativi, nonché a scuole estive organizzate dalle più prestigiose università italiane (la Bocconi, la Normale di Pisa e S. Anna). Al fine di favorire il superamento dei test di ammissione alle facoltà universitarie, la scuola attiva laboratori di approfondimento dei contenuti delle diverse discipline, in particolare nei campi della logica e delle materie scientifiche.

Il Piano Lauree Scientifiche volto alla promozione della cultura scientifica, è un importante momento d’interazione fra il mondo universitario e quello della scuola superiore.

I Laboratori PLS, rivolti principalmente agli studenti del penultimo e ultimo anno delle scuole superiori, prevedono un coinvolgimento diretto dei partecipanti alle attività di laboratorio. Il PLS è un importante momento di aggiornamento e formazione anche per gli insegnanti, infatti, interagendo con tutor e docenti universitari, si raccolgono una serie di esperienze e di materiali didattici che gli insegnanti possono utilizzare nella pratica quotidiana in classe o durante l’orario scolastico o utilizzare con gruppi selezionati di studenti in attività extracurricolari. Inoltre è una importante opportunità di mediazione tra il mondo universitario e quello della scuola secondaria a livello di contenuti e di aspettative.

Le visite ai laboratori universitari rappresentano inoltre un importante arricchimento del momento informativo.

A partire da questo anno scolastico il Liceo ha aderito al progetto di orientamento che vede la collaborazione dell’Università di Sassari con le scuole secondarie di secondo grado del territorio. Tra gli obiettivi del progetto:

  • Porre le basi per un proficuo dialogo tra Scuola e Università
  • Favorire un’integrazione tra le attività formative scolastiche e le attività formative di base dei primi anni dei corsi di laurea universitari
  • Aiutare lo studente nella comprensione degli aspetti fondamentali e delle metodologie di una specifica disciplina
    • Orientare allo studio universitario (fornendo spunti di riflessione su come studiare, come frequentare le lezioni, come sostenere gli esami)
    • Orientare alla scelta del corso di laurea
    • I corsi sono rivolti agli studenti delle classi III, IV e V e consistono in 4 incontri pomeridiani da 3 ore ciascuno, le lezioni si svolgono nelle strutture dell’Università e, in particolare, presso i Dipartimenti che li avranno attivati.
    • La frequenza alle lezioni è obbligatoria (per essere ammesso a sostenere l’esame finale lo studente deve aver raggiunto il 75% del numero di ore previste per il corso, che corrisponde a 3 pomeriggi su 4).
  • Per l’anno accademico 2015/2016 sono previste due tipologie di corsi:
  • Corsi “standard”: Corsi a carattere introduttivo per avvicinare lo studente agli aspetti fondamentali e gli argomenti trattati in uno o più corsi di studio (con questi corsi lo studente dovrebbe chiarire meglio se un determinato percorso di studio risponde alle sue aspettative ed è adatto alla sua preparazione di base
  • Corsi di preparazione ai test d’ingresso ai Corsi di laurea a numero programmato nazionale. I corsi vengono suddivisi in due macro aree: Area Scientifica e Area Umanistica. Se si supera l’esame vengono attribuiti i CFU (2 per corso) che sono riconosciuti automaticamente come attività a libera scelta nei corsi di laurea della Macro Area di riferimento (Umanistica o Scientifica)

Tenuto conto delle esigenze emerse dagli incontri di Orientamento e vista la positiva esperienza di analoghe esperienze negli scorsi anni, vengono offerti corsi modulari di preparazione ai test universitari, per gli alunni del nostro Liceo, finalizzati ad accompagnare lo studente in un lavoro di simulazione di test e di ripasso degli argomenti oggetto delle prove di ammissione.

Sono rivolti a studenti degli ultimi due anni del liceo e mirano a integrare e approfondire la preparazione in vista dei test di accesso all’Università, particolarmente per le Facoltà di Ingegneria, Architettura, Medicina, Odontoiatria e Professioni Sanitarie.

L’elevamento dell’obbligo d'istruzione intende favorire il pieno sviluppo della persona nella costruzione del sé, di corrette e significative relazioni con gli altri e di una positiva interazione con la realtà naturale e sociale. Il liceo Gramsci da anni promuove il processo di cambiamento nel processo di insegnamento – apprendimento dall’approccio trasmissivo a quello laboratoriale per competenze, mettendo al centro della formazione l’alunno come protagonista attivo. La didattica delle competenze è la strada maestra per organizzare una formazione che non fornisca solo conoscenze e abilità, ma che riesca ad incidere sulla cultura, sugli atteggiamenti e sui comportamenti e quindi diventi patrimonio permanente della persona

Una delle metodologie più innovative per attuare una didattica per competenze e la metodologia della classe capovolta, attuata da docenti anche in questo liceo:

Il concetto di Flipped classroom ha il pregio di indicare un modo di fare lezione che vuole essere più in sintonia con le nuove modalità di comunicazione tra i giovani, che rendono questi ultimi più refrattari che in passato a un approccio fondato su strategie puramente trasmissive e asimmetriche di acquisizione delle conoscenze. La didattica capovolta risponde anche all'esigenza di un metodo di insegnamento basato sul concetto di “competenza”. Un metodo più attento alla programmazione per competenze è indirizzato alla valorizzazione dell'autonomia e della creatività degli allievi, della loro capacità di applicare le conoscenze acquisite e di destreggiarsi con più elasticità anche nei contesti non noti. Altri aspetti significativi chiamano in causa la valutazione - che non può essere totalmente ridotta alla misurazione della prova («sparare una volta sola»), ma deve mostrarsi più attenta al processo di apprendimento – e l'inclusione, con l'impiego di strategie più personalizzate e con la presenza del lavoro di gruppo, che nella didattica capovolta ha un’importanza centrale. Viceversa, la strategia “frontalista” è più incentrata su un approccio individualistico-competitivo e su una logica puramente sommativa di valutazione.

Le scelte didattiche, l’organizzazione e la programmazione di ogni attività devono essere proiettate tutte al raggiungimento delle finalità formative e degli obiettivi stabiliti. Alla realizzazione delle finalità e degli obiettivi devono concorrere tutte le componenti della realtà scolastica. Ciò richiede una programmazione delle azioni educative proposte dalla scuola in sintonia con le finalità dichiarate e una necessaria coerenza fra i vari livelli di programmazione.

La programmazione di Dipartimento ha lo scopo di:

  • individuare gli obiettivi specifici di ogni singola disciplina e le strategie per raggiungerli;
  • stabilire le modalità di coordinamento del lavoro e delle verifiche fra classi parallele;
  • stabilire modalità di verifica e di valutazione del raggiungimento degli obiettivi;
  • produrre prove diagnostiche di ingresso all’inizio del biennio e del triennio e comunque ogni qualvolta il docente prenda servizio in una classe per lui nuova.

La programmazione del CDC comprende:

  • l’analisi della situazione di partenza della classe mediante i test d’ingresso;
  • la programmazione delle singole discipline, in linea con le finalità generali della scuola;
  • l’individuazione degli obiettivi didattici trasversali (socio-affettivi, cognitivi, abilità di studio) da raggiungere nelle singole discipline o attraverso l’attivazione di percorsi multidisciplinari;
  • la definizione delle strategie didattiche necessarie al raggiungimento degli obiettivi definiti;
  • verifica e valutazione del lavoro svolto in rapporto agli obiettivi fissati.

All’interno della programmazione del consiglio il coordinatore della classe svolge un ruolo significativo:

  • coordina le riunioni del CDC;
  • coordina la stesura della programmazione del Consiglio di Classe;
  • controlla le assenze degli studenti e la giustificazione delle assenze;
  • comunica alle famiglie degli alunni informazioni relative al profitto, al comportamento e alla frequenza evidenziate in CDC.

coordina le attività di recupero e di approfondimento

Le valutazioni finalizzate a favorire il processo di autovalutazione e migliorare il metodo di studio mirano ad accertare:

  • le competenze acquisite,
  • la comprensione dei contenuti,
  • la capacità di analisi e di sintesi,
  • la capacità di esprimersi in modo articolato e con linguaggio appropriato,
  • la capacità di motivare e argomentare il proprio punto di vista
  • la capacità di cogliere collegamenti interdisciplinari.
  • Tipologie di verifica
  • interrogazione orale
  • prove scritte (strutturate e semistrutturate, quesiti a risposta singola, test a risposta multipla)
  • prove di laboratorio
  • lavori di ricerca
  • valutazione sistematica periodica orale (per le lingue straniere)

 

Trasparenza delle verifiche

La valutazione è tempestiva e improntata alla massima trasparenza in ottemperanza al D.P.R. n. 122 del 22 giugno 2009,

Prima dell’effettuazione di qualsiasi verifica, gli alunni sono informati sugli indicatori scelti per la valutazione della prova. Dopo ogni verifica l’alunno viene informato dell’esito della stessa in modo puntuale con l’esplicitazione chiara del voto attribuito, che viene registrato. Le prove scritte non valutabili immediatamente sono riportate in classe, corrette, classificate e commentate di norma entro 20 giorni dall’espletamento della verifica, affinché lo studente sia consapevole delle eventuali lacune e dei risultati raggiunti.

Le votazioni sono disponibili on-line nel sistema Mastercom: ogni famiglia può accedere al servizio con la propria password (servizio tutelato dalla Legge n. 196/03 sulla protezione dei dati personali). In caso di impossibilità di accesso a strumenti informatici, su richiesta dei genitori, il Dirigente, autorizza la Segreteria a stampare il report dei voti dello studente. Ciò non esclude l’importanza dei colloqui tra docenti e famiglie, indispensabili per un’efficace e produttiva comunicazione.

L’anno scolastico è suddiviso in due quadrimestri, il primo si chiude solitamente il penultimo sabato del mese di gennaio. Al termine dei quadrimestri lo studente viene valutato dal Consiglio di classe in sede di scrutinio e viene attribuito un voto unico per ciascuna disciplina.

Criteri di valutazione:

Sulla base della normativa vigente (D.M. n. 80/07, O.M. n. 92/07), ciascun docente membro del Consiglio di Classe formulerà, per ogni materia del suo insegnamento, la propria proposta di voto che scaturisce da un congruo numero di verifiche scritte e/o orali ed è motivata da un giudizio che tiene conto dei seguenti elementi:

  • conoscenza e competenza disciplinare raggiunta;
  • partecipazione ed interesse;
  • impegni in termini quantitativi e qualitativi;
  • progressi nel processo di maturazione culturale;
  • capacità e metodo di studio

Le assenze, in quanto mancata partecipazione al dialogo educativo, non potranno non influire sulla valutazione didattica se comporteranno una preparazione insufficiente e un’oggettiva difficoltà nel processo di valutazione. In caso di assenze elevate, rapportabili come ordine di grandezza al tempo scuola erogato, il CDC potrebbe non avere sufficienti elementi di valutazione e non essere in grado di garantire il recupero di lacune eventualmente accumulatesi.

 

Scrutini primo quadrimestre

Alla conclusione del primo quadrimestre, per le si attribuisce il voto unico.

In presenza di insufficienze in una o più discipline, che implicano un parziale o totale mancato raggiungimento degli obiettivi stabiliti in relazione alla programmazione fin qui svolta, il CDC procede ad un’analisi attenta dei bisogni formativi di ogni studente e della natura delle difficoltà rilevate, indica le strategie da adottare e indirizza gli alunni alla frequenza d’ interventi di rinforzo e sostegno.

In caso di constatata impossibilità di raggiungere gli obiettivi formativi e di contenuto nelle discipline in maniera autonoma il CDC segnala le carenze e le motivazioni legate all’insuccesso e raccomanda il recupero attraverso un percorso che lo studente dovrà sviluppare autonomamente.

La verifica di tutte le carenze consiste in una prova scritta, scritto-grafica, pratica e/o orale, documentata. Al termine della verifica i docenti esprimono un giudizio che accerta il grado di competenza acquisito dallo studente e che costituisce occasione per definire ulteriori forme di supporto volte sia al completamento del percorso di recupero che al raggiungimento di obiettivi formativi di più alto livello. Il giudizio può essere espresso tramite l’uso di una griglia di valutazione opportunamente costruita, ovvero tramite un breve e sintetico rapporto sugli esiti conseguiti in relazione alle criticità segnalate.

Scrutini finali:

  • ammissione alla classe successiva
  • giudizio sospeso
  • non ammissione alla classe successiva
  • non ammissione allo scrutinio finale

 

Ammissione alla classe successiva

Il CdC delibera l’ammissione alla classe successiva degli alunni che hanno riportato votazione non inferiore a 6/10 in ciascuna disciplina, come previsto dalla normativa vigente e con una frequenza di almeno tre quarti dell'orario annuale. Solo per casi eccezionali sono previste motivate e straordinarie deroghe al suddetto limite. (D.P.R. n. 122 del 22 giugno 2009; C.M. 27 ottobre 2010).

 

Giudizio sospeso

In presenza di valutazioni insufficienti in una o più discipline, in caso di raggiungimento parziale degli obiettivi didattico/educativi il CDC può deliberare di sospendere il giudizio e rinviare alla successiva verifica che si svolgerà nel mese di settembre.

Ai genitori degli alunni con giudizio sospeso viene consegnato, successivamente agli scrutini finali, un piano di recupero personalizzato dove si evidenziano i mancati obiettivi e si assegnano le attività da svolgersi durante l’estate e le modalità del recupero attraverso la frequenza di appositi corsi di recupero o con studio individuale.

 

Non ammissione alla classe successiva

Il CDC delibera, all’unanimità o a maggioranza, di non ammettere alla classe successiva gli alunni che presentano insufficienze diffuse qualitativamente o quantitativamente rilevanti e tali da pregiudicare l’apprendimento nel percorso formativo successivo, in quanto privi dei prerequisiti indispensabili non hanno realizzato il processo pedagogico didattico nella sua globalità.

Non ammissione allo scrutinio finale

Dall’anno scolastico 2010/11 ai fini della validità dell'anno scolastico, per procedere alla valutazione finale di ciascuno studente, è richiesta la frequenza di almeno tre quarti dell'orario annuale. Solo per casi eccezionali sono previste motivate e straordinarie deroghe al suddetto limite. (vedi Frequenza).

Il credito scolastico è un patrimonio di punti che ogni studente costruisce ed accumula durante gli ultimi tre anni di corso e che contribuisce fino ad un quarto (25 punti su 100) a determinare il punteggio finale dell'Esame di Stato.

Il credito formativo è assegnato sulla base della partecipazione qualificata ad una o più ad attività organizzate da Enti esterni, purché previste dal pof e afferenti al curricolo di studi del Liceo classico e linguistico. Nell’attribuzione del credito formativo il Consiglio di Classe si atterrà al dettato del D.M. 452 del 12/11/98, che limita il campo delle esperienze extra-scolastiche. Sono considerate valide ai fini dell'attribuzione del credito formativo le certificazioni esterne di conoscenza della lingua straniera (a cura di Enti riconosciuti) e la partecipazione, documentata, a:

  • Certamina, Olimpiadi, Concorsi letterari, artistici, matematici ecc.;
  • Corsi di conservatorio musicale con attestato dell’anno di frequenza e del curriculum formativo:
  • Corsi di informatica con attestato relativo;
  • Cicli di conferenze, rassegne, spettacoli di alto valore artistico;
  • Campionati nazionali sportivi di varie discipline;
  • Attività di alternanza Scuola-Lavoro;
  • Progetti di associazioni di volontariato riconosciute a livello nazionale.

Il consiglio di classe in fase di scrutinio assegnerà a ciascun alunno delle classi dell’ultimo triennio, ammesso alla classe successiva, il credito scolastico e formativo ai sensi dell’articolo 11 comma 2 del Regolamento degli esami di Stato. L’attribuzione dei punti nell’ambito della banda di oscillazione fissata dal Regolamento tiene conto dei seguenti indicatori:

  1. Media dei voti nello scrutinio finale uguale o superiore al valor medio della banda;
  2. Assiduità della frequenza scolastica (Frequenza > 85%) (curricolare);
  3. Interesse e impegno nella partecipazione al dialogo educativo (curricolare);
  4. Partecipazione attiva, costante e collaborativa ad attività complementari e integrative, iniziative culturali promosse dall’istituto, eventi, gare, e competizioni nazionali/ internazionali, interventi extracurricolari anche in rete con altre scuole (extracurricolare);
  5. Eventuali crediti formativi debitamente documentati, intesi come esperienze non occasionali, anche lavorative, effettuate nell’anno scolastico in corso, coerenti con le finalità didattico – educative dell’istituto. (extracurricolare).

I punti a disposizione all’interno della banda vengono assegnati come segue:

Media=6                     1 punto con 2 indicatori (almeno uno curricolare)

6 <Media <=7             1 punto con m>=6,5 + 1 indicatore ovvero con 3 indicatori

7 <Media <=8             1 punto con m>=7,5 + 1 indicatore ovvero con 3 indicatori

8 <Media <=9             1 punto con m> = 8,5 + 1 indicatore ovvero con 3 indicatori

9 <Media <=10           1 punto con m>=9,5 + 1 indicatore ovvero con 3 indicatori

Ammissione all’esame di Stato

Sarà ammesso agli esami di Stato l’alunno che ha conseguito, per ogni disciplina livelli di conoscenze, competenze e capacità individuati dagli obiettivi minimi prefissati dal CDC, riportando nello scrutinio finale una valutazione almeno sufficiente in ogni disciplina.

I criteri per l’attribuzione della lode all’esame di Stato sono definiti dal D.M. n. 99 - 16 dicembre 2009.

livelli raggiunti per asse culturale

Le assenze, i ritardi e le uscite anticipate sono materia del Regolamento Interno di Istituto inserito negli allegati al P.O.F. (vedi Regolamento)

Criteri di deroga al limite minimo delle assenze.

In riferimento art. 14 comma 7 del DPR 122/09 il Collegio dei Docenti, nella seduta dell’8.12.2012, ha deliberato i criteri di deroga al limite previsto per la validità dell’anno scolastico:

  • assenze per motivi di salute documentate attraverso dichiarazioni rilasciate dal medico di base o da ASL e/o presidi ospedalieri continuative superiori ai 5 giorni (per gravi patologie, ricoveri ospedalieri prolungati, allontanamento dalla comunità scolastica per malattie contagiose) o ricorrenti (per patologie particolari, ricoveri ospedalieri frequenti, terapie riabilitative periodiche)
  • assenze documentate e continuative per gravi motivi di famiglia: provvedimenti dell’autorità giudiziaria, trasferimenti anche temporanei, rientri inderogabili al paese di origine, lutti, alunni nomadi, gravi motivi di salute (attestati da certificato medico) di un familiare stretto 
  • Riduzione d’orario delle lezioni per cause di forza maggiore (chiusura della scuola per elezioni, per calamità naturali, per assenza insegnanti o per altri eventi eccezionali)
  • Ingresso posticipato e uscita anticipata per motivi di trasporto autorizzati dal Dirigente (sulla base degli orari ufficiali dei mezzi pubblici)
  • Partecipazione ufficiale ad attività agonistiche e sportive organizzate da società e Federazioni riconosciute dal CONI

Stabilisce inoltre che le assenze continuative debbano essere documentate al momento del rientro dell’allievo nella comunità scolastica. Tale documentazione deve essere fornita al coordinatore della classe o all’ufficio di presidenza, protocollata ed inserita nel fascicolo personale dello studente. Le dichiarazioni in oggetto rientrano a pieno titolo tra i dati sensibili e sono quindi soggette alla normativa sulla Privacy applicata nell’istituto.

Chiarisce che l’assenza dalle lezioni curricolari dello studente oggetto della sanzione disciplinare della sospensione senza obbligo di frequenza non debba incidere sul computo complessivo delle ore di lezione perse durante l’anno scolastico.

Ribadisce che la partecipazione a visite guidate e viaggi di istruzione, mobilità individuali o di gruppo effettuate con scuole europee partner in progetti internazionali ed in generale a stage, attività di alternanza scuola lavoro, iniziative culturali e formative approvate dagli organi collegiali della scuola svolte in contesti esterni all’edificio scolastico rientrano tra le attività didattiche a pieno titolo.

Demanda infine al singolo consiglio di classe, in sede di scrutinio finale, il computo del limite minimo della frequenza e il giudizio sulla validità delle eventuali deroghe richieste, sempreché tali assenze non pregiudichino la possibilità di procedere alla valutazione degli alunni interessati.

I Dipartimenti nelle loro programmazioni tengono conto della Raccomandazione del Parlamento e del Consiglio Europeo del 18 dicembre 2006, che individua 8 competenze chiave di cittadinanza europea per l’apprendimento permanente e le Competenze di base al termine dell’obbligo scolastico:

 

 

 

IL QUADRO NAZIONALE

IL QUADRO DI RIFERIMENTO EUROPEO

Competenze di base al termine dell’obbligo scolastico

Competenze chiave per l’apprendimento permanente

 

  • imparare ad imparare
  • progettare
  • risolvere i problemi
  • individuare collegamenti e relazioni
  • acquisire e interpretare informazioni
  • comunicare
  • collaborare e partecipare
  • agire in modo autonomo e responsabile

 

  • comunicare nella madre lingua
  • comunicare nelle lingue straniere
  • competenza in matematica e competenza di base in scienza e tecnologia
  • competenza digitale
  • imparare a imparare
  • competenze interpersonali, interculturali e sociali e competenza civica
  • imprenditorialità
  • espressione culturale

 

La valutazione sul comportamento degli studenti (voto numerico espresso in decimi), attribuita collegialmente dal CDC secondo la griglia di valutazione, concorre alla valutazione complessiva dello studente e determina, se inferiore a 6 decimi, la non ammissione al successivo anno di corso e all’esame conclusivo del ciclo.

 

Descrittori del comportamento:

Eccellente: quando il comportamento si propone come esemplare alla classe

Positivo: comprende l’importanza del rispetto delle regole per la convivenza civile nel rapporto con le persone e il contesto

Soddisfacente: non presenta difficoltà nel rapportarsi con le persone e il contesto ma accetta le regole senza autentica condivisione e spirito collaborativo.

Non soddisfacente: non ha ancora raggiunto e maturato una consapevolezza di comportamento che permetta di applicare le regole sociali autonomamente e spontaneamente.

Grave: quando il comportamento tende a destabilizzare i rapporti sociali e personali in modo permanente e/o non evidenzia costanza e interesse al dialogo educativo e/o diventa fonte di pericolo per l’incolumità psico-fisica delle persone, accertata la presenza di evidenti e duraturi elementi di recupero dei comportamenti in seguito alla/e sanzione/i applicate.

Molto grave: in presenza di una sanzione disciplinare irrogata dal CdI, legata a mancanze di cui all’art.4, comma 9 bis e D.P.R. n.249/98 e succ. senza la presenza di evidenti e duraturi elementi di recupero dei comportamenti in seguito alla/e sanzione/i applicate.

Tabella attribuzione voto di condotta

Macro ambiti

Indicatori del comportamento

 

Rispetto verso il lavoro e verso sé stessi

 

  • Attenzione, interesse e partecipazione nel lavoro in classe
  • Uso responsabile del proprio materiale
  • Comportamento responsabile durante le attività didattiche svolte all’esterno della scuola
  • Impegno e costanza nel lavoro scolastico a casa
  • Cura della persona /linguaggio

 

Rispetto verso gli altri

 

  • Rispetto delle figure istituzionali e del non docente
  • Correttezza personale e sensibilità nei rapporti con i compagni
  • Collaborazione e solidarietà nei rapporti con gli altri
  • Partecipazione attiva alle iniziative scolastiche comuni

 

Rispetto regole interne

 

  • Rientro in ritardo in classe
  • Utilizzo di dispositivi elettronici
  • Uscite non autorizzate dall’aula

 

Rispetto verso

l’ambiente

 

  • Utilizzo responsabile del materiale e delle strutture della scuola e utilizzo appropriato degli spazi comuni
  • Rispetto di documenti/atti/registri della scuola
  • Rispetto delle norme di sicurezza

 

Frequenza

  • Regolare e puntuale giustificazione delle assenze
  • Entrate in ritardo/ uscite anticipate
  • Frequenza: eccellente: assenze< 5%
  • positivo ass< 10%
  • sodd. ass< 20%,
  • non sodd. ass. tra 20% e 30%,
  • grave assenze tra 30% e 50%,
  • molto grave ass.> 50%)

 

 

VOTO

GIUDIZIO

DESCRITTORE DEL COMPORTAMENTO

 

10

 

 

Eccellente

 

Eccellente nei 5 ambiti

 

9

 

 

Apprezzabile

 

Positivo nei 5 ambiti, oppure complessivamente positivo, escludendo livelli inferiori al soddisfacente

 

 

8

 

 

Adeguato

 

Soddisfacente nei 5 ambiti, oppure complessivamente soddisfacente, accettando non più di 1 livello non soddisfacente

 

 

7

 

 

Accettabile

 

Non soddisfacente in due o più dei soprascritti indicatori

 

 

6

 

 

A rischio

 

Grave in uno o più dei 5 ambiti

 

 

5

 

 

Negativo

 

Molto grave in uno o più dei 5 ambiti

 

 

 

Il nostro Istituto ha avviato da anni collaborazioni con Reti territoriali e nazionali, consorzi, convenzioni, al fine di aprirsi al territorio e partecipare a progetti e iniziative di ampio respiro e per facilitare il collegamento tra scuola, Università e mondo del lavoro. A tal proposito chiede di poter essere delegata a sottoscrivere accordi che richiedano un’immediata adesione, come capita sempre più spesso, previa ratifica del Consiglio la seduta successiva.

Attualmente fa parte delle reti:

  • La rete Olbi@_digitale, con il liceo Gramsci scuola capofila, che comprende 13 istituti della Gallura, di ogni ordine e grado, costituita per realizzare il Progetto “Sardegna digitale” Fase II “Master teachers” che prevede la formazione del corpo docente per l’uso delle nuove tecnologie e dei social media nella didattica per facilitare l’apprendimento e il successo formativo degli studenti.
  • Rete «Valore scuola – Sardegna», capofila Liceo Scientifico Mossa, per attuare il Piano di formazione del personale docente volto ad acquisire competenze per l’attuazione di interventi di miglioramento e adeguamento alle nuove esigenze dell’offerta formativa;
  • Rete nazionale «Didattica della comunicazione didattica», Educare ai Linguaggi Non Verbali e Multimediali, con il liceo Classico Gramsci referente regionale, per la promozione e la diffusione della didattica della comunicazione e dei linguaggi non verbali e multimediali;
  • Rete nazionale «Educare all’Europa»: con il liceo Classico Gramsci referente regionale. La rete, In riferimento ai programmi dell’U.E. sull’istruzione e la formazione, si propone per potenziare e valorizzare le iniziative didattiche e progettuali per lo sviluppo e la promozione della dimensione europea dell’educazione; sostenere i processi di internazionalizzazione dei POF; promuovere iniziative di informazione e comunicazione aperte al territorio.
  • Rete Nazionale «Book in progress». La rete è già attiva dal 2009, capofila l’istituto Majorana di Brindisi. Lo scopo primario della rete consiste nell’ideazione, la progettazione e la realizzazione di materiali didattici da utilizzare nelle scuole della Rete anche in sostituzione o a integrazione dei libri di testo; a questa finalità si sommano altri obiettivi:
  • la costituzione, il coordinamento e l’organizzazione di Dipartimenti nazionali, costituiti dai docenti di discipline afferenti, e finalizzati alla produzione, validazione, diffusione del materiale didattico elaborato;
  • l’assistenza reciproca tra le scuole aderenti nella produzione e diffusione dei materiali didattici;
  • l’aggiornamento e la formazione dei docenti delle scuole della Rete
  • la distribuzione dei materiali didattici agli studenti delle scuole aderenti alla Rete
  • la diffusione di esperienze di lavoro in rete e a distanza tra le scuole della Rete
  • la collaborazione con il MIUR, con gli USR, l’INDIRE, Università e altri Enti o Istituzioni interessati ai processi di innovazione didattica ed organizzativa delle istituzioni scolastiche.

 

  • Rete locale «Scuola attiva»: Si occupa di formazione docenti per le DSA e di tutte le iniziative a livello locale per promuovere la qualità dell’apprendimento, compresi progetti specifici a cui possono aderire solo alcune scuole, scuola capofila L. Mossa di Olbia.
  • Rete nazionale di scuole “Italia Orienta” per facilitare l’orientamento professionale e formativo dei giovani, scuola capofila Istituto via Salvini Roma

 

Il nostro liceo ha costruito negli anni rapporti con gli EE.LL. e con enti, organizzazioni territoriali, associazioni culturali e mondo del lavoro:

Convenzione con la Provincia Olbia – Tempio, settore servizi alla persona e sviluppo socio economico, per l’erogazione del servizio di assistenza specialistica a favore di studenti disabili

Convenzione con l’Università di Sassari per la realizzazione del tfa (Tirocinio Formativo Attivo) abilitante all’insegnamento nella Scuola secondaria di I e II grado ex D. M. n. 249/2010, art. 15, e D.M. n. 139/2011, artt. 1 e 5.

Protocollo di intesa con Area marina protetta di Tavolara per attività di educazione ambientale

Protocollo di intesa con Lega Navale, sezione Olbia, per attività di educazione al mare a gli sport nautici

Protocollo di intesa con l’associazione culturale «Argonauti», di Olbia, per attività e tirocini nel settore mostre ed eventi culturali

Convenzione con l’Azienda GEASAR SPA con sede legale in Olbia per attività di stage per gli studenti

  • Convenzione con l’Azienda ASPO SPA con sede legale in Olbia per attività di stage per gli studenti
  • Convenzione con il Comune di Olbia per attività di stage per gli studenti nel Museo Archeologico
  • l’ASL Olbia-Tempio, per l’attivazione dei servizi di prevenzione e consulenza

I rapporti scuola-famiglia sono improntati alla massima trasparenza e collaborazione e avvengono attraverso l'attivazione di differenti canali di comunicazione:

  • colloqui generali pomeridiani che si svolgono tre volte l'anno (secondo calendari e orari stabiliti). Tre per anno scolastico:
  • metà novembre
  • febbraio (consegna pagelle 1° quadrimestre)
  • metà aprile
  • colloqui individuali su appuntamento per iniziativa di una delle parti, secondo un calendario stabilito da ogni docente;
  • assemblee per le elezioni dei rappresentanti;
  • incontri divulgativi;
  • consigli di Classe;
  • assemblee di classe;
  • comunicazioni del Coordinatore di Classe, per le vie ritenute più opportune;
  • libretto delle giustificazioni, utilizzando l'apposito spazio per le comunicazioni scuola-famiglia;
  • mail istituzionale fornita a tutti gli operatori e rintracciabile nel sito web;
  • il Sistema Mastercom, grazie al quale i genitori, in ogni momento, possono avere accesso al Registro Elettronico per tutte le informazioni didattiche in tempo reale relativamente ai propri figli. Attraverso il sistema informatico Mastercom le famiglie sono, in tempo reale, informate sui seguenti argomenti: valutazione, situazione generale delle assenze dei ritardi e delle uscite anticipate degli alunni. Una finestra chiamata “Comunicazioni” fornisce ai genitori l’opportunità di avere notizie riguardo l’eventuale recupero al quale lo studente deve sottoporsi nel caso di valutazioni non sufficiente alla fine del primo quadrimestre o qualsiasi altra comunicazione che la scuola ritenga opportuno fornire alla famiglia.

 

La comunicazione è strumento essenziale per la gestione dei processi di sviluppo dell’autonomia, della qualità dei risultati e delle risorse umane nella realizzazione di una partecipazione più ampia al progetto educativo di Istituto. Il liceo Gramsci promuove le diverse forme di comunicazione, al fine di:

  • favorire il superamento dell’autoreferenzialità della scuola
  • creare un clima positivo e far condividere finalità / valori
  • favorire la tempestività nella conoscenza delle aspettative/bisogni dell’utenza
  • pubblicizzare eventi e servizi per valorizzare l’immagine della scuola e far conoscere le proprie attività
  • avviare un processo di comunicazione a due vie con tutte le componenti scolastiche (personale, genitori, studenti) che migliori l’accesso al servizio
  • avviare un processo di collaborazione con il territorio: imprese, enti, professionisti;
  • motivare e coinvolgere le risorse umane interne
Strumenti di comunicazione (in presenza, cartacei, multimediali):
  • servizio di accoglienza all’ingresso
  • centralino
  • uffici di segreteria
  • posta elettronica istituzionale
  • posta elettronica certificata
  • PTOF
  • comunicati
  • circolari
  • riunioni
  • incontri
  • sondaggi bisogni
  • gruppi di lavoro
  • sito web
  • questionari di gradimento
  • promozione istituto
  • depliant
  • conferenze
  • open day
  • semplificazione amministrativa
  • accesso atti
  • segnaletica
  • logo istituto

 

Certamen Antonietta Sanna

Il Liceo organizza annualmente, nel mese di maggio, il «CERTAMEN Antonietta Sanna» gara di traduzione dal latino all’italiano riconosciuta dal Ministero Pubblica Istruzione. La competizione nata nel 1999 in memoria della professoressa Antonietta Sanna, è riservata agli studenti delle classi quinte ginnasio dei Licei Classici del territorio nazionale.

 

Mostra micologica

La mostra Micologica è un importante appuntamento autunnale aperto alla città. La mostra allestita nell’Aula Magna del Liceo è il risultato finale e visibile del lavoro svolto dagli studenti del terzo anno del corso di studi. Il progetto comporta una fase di preparazione teorica che si svolge a scuola di pomeriggio e una consistente fase pratica. Tra i temi affrontati: la biologia, l’ecologia e il riconoscimento macroscopico e microscopico delle specie fungine, la raccolta, l'allestimento e la gestione della mostra. L’evento è supportato dalla presenza di esperti di Micologia riconosciuti in ambito nazionale.

 

Consegna diplomi e premiazione 100 e lode

A metà dicembre si svolge la festa di consegna dei diplomi e la premiazione degli alunni ai quali è stata attribuita la lode agli esami di stato e a coloro che hanno ottenuto il punteggio 100. È un appuntamento molto sentito dagli ex alunni del Liceo “Gramsci” che colgono questa occasione per ritrovarsi e festeggiare tutti insieme questo importante traguardo.

 

Monumenti aperti

Il dipanarsi della storia della città di Olbia fa emergere il legame della città con tutte le civiltà del mondo classico. Ripercorrere le tappe del suo splendore e delle sue crisi inquadrandole in un contesto non solo regionale ma mediterraneo, consente di comprendere meglio le nostre radici e il ruolo che la nostra città ha avuto e soprattutto potrà avere.

L’iniziativa è nata a Cagliari nel 1997. La nostra scuola partecipa già da diversi anni a quest’attività; gli alunni si calano concretamente per due giorni nel ruolo di guide turistiche. Gli obiettivi sono: riscoprire tracce, segni, testimonianze del passato riappropriarsi delle proprie tradizioni civili e religiose per rafforzare l'identità collettiva, sviluppare il senso di appartenenza alla propria comunità e stimolare nelle giovani generazioni la conoscenza della propria storia. Gli studenti accolgono i visitatori e li guidano alla scoperta dei beni archeologici, storico - artistici e ambientali della città di Olbia. Si tratta di uno straordinario appuntamento di civile e comunitario impegno per la salvaguardia del nostro patrimonio ambientale,

culturale e artistico. L’iniziativa è rivolta a tutti gli alunni della scuola e prevede una fase di preparazione teorica e pratica.

L' iniziativa, promossa dal Comune di Olbia, è un appuntamento annuale che si svolge nel mese di ottobre e gli studenti del Liceo vi partecipano sin dal primo anno della sua istituzione.

 

Notte dei licei classici

Una notte bianca in contemporanea in decine e decine di Licei classici italiani, per promuovere, ma anche per difendere la cultura classica nelle sue infinite declinazioni. Una notte di eventi, letture di alto livello, musica, testi recitati, proiezioni. e appuntamenti per promuovere in chiave moderna i principi della classicità. Tutto per dimostrare che il liceo classico è vivo più che mai. È un evento aperto a tutta la cittadinanza per dimostrare che «il liceo Classico è vivo, vitale e vivace ed ha intelligenze che hanno il diritto di essere coltivate».

L’attività didattica si articola con il seguente orario:

 

Nel biennio iniziale è possibile optare al momento dell’iscrizione alla settimana corta, istituita in funzione del numero di richieste: le 27 ore vengono distribuite su cinque giornate due da sei ore e tre da cinque.

 

 

Indirizzi e quadri orario

Liceo classico

Discipline

Ore di lezione

1°Biennio

2° Biennio

 

Lingua e letteratura italiana

4

4

4

4

4

Lingua e cultura latina

5

5

4

4

4

Lingua e cultura greca

4

4

3

3

3

Lingua e cultura straniera

3

3

3

3

3

Storia

-

-

3

3

3

Storia e Geografia

3

3

-

-

-

Filosofia

-

-

3

3

3

Matematica*

3

3

2

2

2

Fisica

-

-

2

2

2

Scienze naturali**

2

2

2

2

2

Storia dell’arte

-

-

2

2

2

Scienze motorie e sportive

2

2

2

2

2

Religione cattolica / attività alternative

1

1

1

1

1

Totale ore settimanali

27

27

31

31

31

* con Informatica al primo biennio

** Biologia, Chimica, Scienze della Terra

 

Liceo classico opzione «Lab Art»

Discipline

Ore di lezione

1°Biennio

2° Biennio

 

Lingua e letteratura italiana

4

4

4

4

4

Lingua e cultura latina

5

5

4

4

4

Lingua e cultura greca

4

4

3

3

3

Lingua e cultura straniera

3

3

3

3

3

Storia

-

-

3

3

3

Storia e Geografia

3

3

-

-

-

Filosofia

-

-

3

3

3

Matematica*

3

3

2

2

2

Fisica

-

-

2

2

2

Scienze naturali**

2

2

2

2

2

Storia dell’arte

-

-

2

2

2

Scienze motorie e sportive

2

2

2

2

2

Laboratori artistici

2

2

-

-

-

Religione cattolica / attività alternative

1

1

1

1

1

Totale ore settimanali

29

29

31

31

31

* con Informatica al primo biennio

** Biologia, Chimica, Scienze della Terra


 

Liceo classico opzione «Detsch Plus»

Discipline

Ore di lezione

1°Biennio

2° Biennio

 

Lingua e letteratura italiana

4

4

4

4

4

Lingua e cultura latina

5

5

4

4

4

Lingua e cultura greca

4

4

3

3

3

Lingua e cultura straniera

3

3

3

3

3

Storia

-

-

3

3

3

Storia e Geografia

3

3

-

-

-

Filosofia

-

-

3

3

3

Matematica*

3

3

2

2

2

Fisica

-

-

2

2

2

Scienze naturali**

2

2

2

2

2

Storia dell’arte

-

-

2

2

2

Scienze motorie e sportive

2

2

2

2

2

Lingua straniera tedesco

2

2

2

2

-

Religione cattolica / attività alternative

1

1

1

1

1

Totale ore settimanali

29

29

33

33

31

* con Informatica al primo biennio

** Biologia, Chimica, Scienze della Terra

 

Liceo linguistico

Discipline

Ore di lezione

1°Biennio

2° Biennio

 

Lingua e Letteratura italiana

4

4

4

4

4

Lingua latina

2

2

-

-

-

Lingua e cultura straniera 1*

4

4

3

3

3

Lingua e cultura straniera 2*

3

3

4

4

4

Lingua e cultura straniera 3*

3

3

4

4

4

Storia e Geografia

3

3

-

-

-

Storia

-

-

2

2

2

Filosofia

-

-

2

2

2

Matematica**

3

3

2

2

2

Fisica

-

-

2

2

2

Scienze naturali***

2

2

2

2

2

Storia dell’arte

-

-

2

2

2

Scienze motorie e sportive

2

2

2

2

2

Religione cattolica / attività alternative

1

1

1

1

1

Totale ore settimanali

27

27

30

30

30

* sono comprese 33 ore annuali di conversazione col docente di madre lingua

** con Informatica al primo biennio

***Biologia, Chimica, Scienze della Terra

 

Liceo linguistico opzione «Lab art»

Discipline

Ore di lezione

1°Biennio

2° Biennio

 

Lingua e Letteratura italiana

4

4

4

4

4

Lingua latina

2

2

-

-

-

Lingua e cultura straniera 1*

4

4

3

3

3

Lingua e cultura straniera 2*

3

3

4

4

4

Lingua e cultura straniera 3*

3

3

4

4

4

Storia e Geografia

3

3

-

-

-

Storia

-

-

2

2

2

Filosofia

-

-

2

2

2

Matematica**

3

3

2

2

2

Fisica

-

-

2

2

2

Scienze naturali***

2

2

2

2

2

Storia dell’arte

-

-

2

2

2

Scienze motorie e sportive

2

2

2

2

2

Laboratori artistici

2

2

--

-

-

Religione cattolica / attività alternative

1

1

1

1

1

Totale ore settimanali

29

29

30

30

30

* sono comprese 33 ore annuali di conversazione col docente di madre lingua

** con Informatica al primo biennio

***Biologia, Chimica, Scienze della Terra

 

Liceo linguistico opzione «Detsch Plus»

Discipline

Ore di lezione

1°Biennio

2° Biennio

 

Lingua e Letteratura italiana

4

4

4

4

4

Lingua latina

2

2

-

-

-

Lingua e cultura straniera 1*

4

4

3

3

3

Lingua e cultura straniera 2*

3

3

4

4

4

Lingua e cultura straniera 3* spagnolo

3

3

4

4

4

Storia e Geografia

3

3

-

-

-

Storia

-

-

2

2

2

Filosofia

-

-

2

2

2

Matematica**

3

3

2

2

2

Fisica

-

-

2

2

2

Scienze naturali***

2

2

2

2

2

Storia dell’arte

-

-

2

2

2

Scienze motorie e sportive

2

2

2

2

2

Lingua straniera Tedesco

2

2

2

2

-

Religione cattolica / attività alternative

1

1

1

1

1

Totale ore settimanali

29

29

32

32

30

* sono comprese 33 ore annuali di conversazione col docente di madre lingua

** con Informatica al primo biennio

***Biologia, Chimica, Scienze della Terra

 

Liceo linguistico «Esabac»

Discipline

Ore di lezione

1°Biennio

2° Biennio

 

Lingua e Letteratura italiana

4

4

4

4

4

Lingua latina

2

2

-

-

-

Lingua e cultura straniera 1*

4

4

3

3

3

Lingua e cultura straniera 2*

3

3

4

4

4

Lingua e cultura straniera 3*

3

3

4

4

4

Storia e Geografia

3

3

-

-

-

Storia

-

-

2

2

2

Histoire****

-

-

1

1

1

Filosofia

-

-

2

2

2

Matematica**

3

3

2

2

2

Fisica

-

-

2

2

2

Scienze naturali***

2

2

2

2

2

Storia dell’arte

-

-

2

2

2

Scienze motorie e sportive

2

2

2

2

2

Religione cattolica / attività alternative

1

1

1

1

1

Totale ore settimanali

27

27

31

31

31

* sono comprese 33 ore annuali di conversazione col docente di madre lingua

** con Informatica al primo biennio

*** Biologia, Chimica, Scienze della Terra

**** Histoire

 

Liceo classico

Discipline

Ore di lezione

1°Biennio

2° Biennio

 

Lingua e letteratura italiana

4

4

4

4

4

Lingua e cultura latina

5

5

4

4

4

Lingua e cultura greca

4

4

3

3

3

Lingua e cultura straniera

3

3

3

3

3

Storia

-

-

3

3

3

Storia e Geografia

3

3

-

-

-

Filosofia

-

-

3

3

3

Matematica*

3

3

2

2

2

Fisica

-

-

2

2

2

Scienze naturali**

2

2

2

2

2

Storia dell’arte

-

-

2

2

2

Scienze motorie e sportive

2

2

2

2

2

Religione cattolica / attività alternative

1

1

1

1

1

Totale ore settimanali

27

27

31

31

31

* con Informatica al primo biennio

** Biologia, Chimica, Scienze della Terra

 

Liceo classico opzione «Lab Art»

Discipline

Ore di lezione

1°Biennio

2° Biennio

 

Lingua e letteratura italiana

4

4

4

4

4

Lingua e cultura latina

5

5

4

4

4

Lingua e cultura greca

4

4

3

3

3

Lingua e cultura straniera

3

3

3

3

3

Storia

-

-

3

3

3

Storia e Geografia

3

3

-

-

-

Filosofia

-

-

3

3

3

Matematica*

3

3

2

2

2

Fisica

-

-

2

2

2

Scienze naturali**

2

2

2

2

2

Storia dell’arte

-

-

2

2

2

Scienze motorie e sportive

2

2

2

2

2

Laboratori artistici

2

2

-

-

-

Religione cattolica / attività alternative

1

1

1

1

1

Totale ore settimanali

29

29

31

31

31

* con Informatica al primo biennio

** Biologia, Chimica, Scienze della Terra


 

Liceo classico opzione «Detsch Plus»

Discipline

Ore di lezione

1°Biennio

2° Biennio

 

Lingua e letteratura italiana

4

4

4

4

4

Lingua e cultura latina

5

5

4

4

4

Lingua e cultura greca

4

4

3

3

3

Lingua e cultura straniera

3

3

3

3

3

Storia

-

-

3

3

3

Storia e Geografia

3

3

-

-

-

Filosofia

-

-

3

3

3

Matematica*

3

3

2

2

2

Fisica

-

-

2

2

2

Scienze naturali**

2

2

2

2

2

Storia dell’arte

-

-

2

2

2

Scienze motorie e sportive

2

2

2

2

2

Lingua straniera tedesco

2

2

2

2

-

Religione cattolica / attività alternative

1

1

1

1

1

Totale ore settimanali

29

29

33

33

31

* con Informatica al primo biennio

** Biologia, Chimica, Scienze della Terra

 

Liceo linguistico

Discipline

Ore di lezione

1°Biennio

2° Biennio

 

Lingua e Letteratura italiana

4

4

4

4

4

Lingua latina

2

2

-

-

-

Lingua e cultura straniera 1*

4

4

3

3

3

Lingua e cultura straniera 2*

3

3

4

4

4

Lingua e cultura straniera 3*

3

3

4

4

4

Storia e Geografia

3

3

-

-

-

Storia

-

-

2

2

2

Filosofia

-

-

2

2

2

Matematica**

3

3

2

2

2

Fisica

-

-

2

2

2

Scienze naturali***

2

2

2

2

2

Storia dell’arte

-

-

2

2

2

Scienze motorie e sportive

2

2

2

2

2

Religione cattolica / attività alternative

1

1

1

1

1

Totale ore settimanali

27

27

30

30

30

* sono comprese 33 ore annuali di conversazione col docente di madre lingua

** con Informatica al primo biennio

***Biologia, Chimica, Scienze della Terra

 

Liceo linguistico opzione «Lab art»

Discipline

Ore di lezione

1°Biennio

2° Biennio

 

Lingua e Letteratura italiana

4

4

4

4

4

Lingua latina

2

2

-

-

-

Lingua e cultura straniera 1*

4

4

3

3

3

Lingua e cultura straniera 2*

3

3

4

4

4

Lingua e cultura straniera 3*

3

3

4

4

4

Storia e Geografia

3

3

-

-

-

Storia

-

-

2

2

2

Filosofia

-

-

2

2

2

Matematica**

3

3

2

2

2

Fisica

-

-

2

2

2

Scienze naturali***

2

2

2

2

2

Storia dell’arte

-

-

2

2

2

Scienze motorie e sportive

2

2

2

2

2

Laboratori artistici

2

2

--

-

-

Religione cattolica / attività alternative

1

1

1

1

1

Totale ore settimanali

29

29

30

30

30

* sono comprese 33 ore annuali di conversazione col docente di madre lingua

** con Informatica al primo biennio

***Biologia, Chimica, Scienze della Terra

 

Liceo linguistico opzione «Detsch Plus»

Discipline

Ore di lezione

1°Biennio

2° Biennio

 

Lingua e Letteratura italiana

4

4

4

4

4

Lingua latina

2

2

-

-

-

Lingua e cultura straniera 1*

4

4

3

3

3

Lingua e cultura straniera 2*

3

3

4

4

4

Lingua e cultura straniera 3* spagnolo

3

3

4

4

4

Storia e Geografia

3

3

-

-

-

Storia

-

-

2

2

2

Filosofia

-

-

2

2

2

Matematica**

3

3

2

2

2

Fisica

-

-

2

2

2

Scienze naturali***

2

2

2

2

2

Storia dell’arte

-

-

2

2

2

Scienze motorie e sportive

2

2

2

2

2

Lingua straniera Tedesco

2

2

2

2

-

Religione cattolica / attività alternative

1

1

1

1

1

Totale ore settimanali

29

29

32

32

30

* sono comprese 33 ore annuali di conversazione col docente di madre lingua

** con Informatica al primo biennio

***Biologia, Chimica, Scienze della Terra

 

Liceo linguistico «Esabac»

Discipline

Ore di lezione

1°Biennio

2° Biennio

 

Lingua e Letteratura italiana

4

4

4

4

4

Lingua latina

2

2

-

-

-

Lingua e cultura straniera 1*

4

4

3

3

3

Lingua e cultura straniera 2*

3

3

4

4

4

Lingua e cultura straniera 3*

3

3

4

4

4

Storia e Geografia

3

3

-

-

-

Storia

-

-

2

2

2

Histoire****

-

-

1

1

1

Filosofia

-

-

2

2

2

Matematica**

3

3

2

2

2

Fisica

-

-

2

2

2

Scienze naturali***

2

2

2

2

2

Storia dell’arte

-

-

2

2

2

Scienze motorie e sportive

2

2

2

2

2

Religione cattolica / attività alternative

1

1

1

1

1

Totale ore settimanali

27

27

31

31

31

* sono comprese 33 ore annuali di conversazione col docente di madre lingua

** con Informatica al primo biennio

*** Biologia, Chimica, Scienze della Terra

**** Histoire

 

I viaggi d’istruzione sono previsti e inseriti nella programmazione disciplinare e nella programmazione del Consiglio di Classe. Essi concorrono alla realizzazione delle finalità formative della scuola nonché degli obiettivi trasversali e disciplinari dell’attività didattica. Pertanto rappresentano appieno un modo di fare scuola al di fuori della tradizionale aula scolastica. Queste attività, fondate su progetti articolati e coerenti, hanno precisi obiettivi culturali ed educativi e costituiscono l’occasione per allargare gli orizzonti culturali con esperienze dirette. I viaggi d’istruzione offrono una risposta a precisi interessi maturati all’interno delle diverse classi.

Con la dotazione di un kit LIM in ogni aula e l’ampliamento della rete wireless nell’istituto prosegue il processo di innovazione tecnologica che caratterizza il nostro liceo, finalizzato a migliorare e facilitare l’apprendimento degli studenti offrendo strumenti innovativi ai docenti.

 

UFFICI

AULE

AULE SPECIALI

PRESIDENZA

36

LABORATORIO DI SCIENZE

VICEPRESIDENZA

 

LABORATORIO DI FISICA

SEGRETERIA DIDATTICA ALUNNI

 

LABORATORIO MULTIMEDIALE

SEGRETERIA AMMINISTRATIVA

 

LABORATORIO INFORMATICA

SEGRETERIA DIDATTICA STUDENTI

 

AULA MAGNA

 

 

1 PALESTRA

 

Si suggerisce di fare riferimento anche a quanto indicato alle sezioni «Le attrezzature e le infrastrutture materiali» e «Reti di scuole e collaborazioni esterne» della nota MIUR, prot. n. 2805 del 11.12.2015.

 

INFRASTRUTTURA/ ATTREZZATURA

MOTIVAZIONE, IN RIFERIMENTO ALLE PRIORITÀ STRATEGICHE DEL CAPO I E ALLA PROGETTAZIONE DEL CAPO III

FONTI DI FINANZIAMENTO

5 AULE

SVOLGIMENTO ATTIVITÀ DIDATTICA ORDINARIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE

DISPOSITIVI TABLET PER STUDENTI

 

SVILUPPO DELLE COMPETENZE DIGITALI DEGLI STUDENTI, CON PARTICOLARE RIGUARDO AL PENSIERO COMPUTAZIONALE

CANDIDATURA DEL 15/10/2015 – PON FESR 10.8.3

ARREDI PER LABORATORIO MULTIMEDIALE

INNOVARE L’AMBIENTE DI APPRENDIMENTO

CANDIDATURA DEL 15/10/2015 – PON FESR 10.8.3

AULE

SVOLGIMENTO ATTIVITÀ DIDATTICA ORDINARIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE

VALORIZZAZIONE AULA MAGNA – RINNOVO ARREDI- PALCO MODULARE

ATTIVITÀ EXTRACURRICOLARI: TEATRO, READING, INCONTRO CON AUTORI

AVVISO PUBBLICO MIUR PER “LAMIASCUOLACCOGLIENTE” DEL 6/11/2015

LABORATORIO 3D (LABORATORI TERRITORIALI PER L’OCCUPABILITÀ)

SVILUPPO DELLE COMPETENZE DIGITALI DEGLI STUDENTI, CON PARTICOLARE RIGUARDO AL PENSIERO COMPUTAZIONALE

AVVISO PUBBLICO DEL MIUR, PUBBLICATO CON NOTA PROT. 10740 DEL 8 SETTEMBRE 2015

 

L’effettiva realizzazione del piano nei termini indicati resta comunque condizionata alla concreta destinazione a questa istituzione scolastica da parte delle autorità competenti.

 

Il Dirigente scolastico ha la legale rappresentanza dell’istituzione scolastica ad ogni effetto di legge. È organo individuale, rappresenta l’unitarietà dell’istituzione medesima ed assume ogni responsabilità gestionale della stessa.

  • È legale rappresentante dell’istituto.
  • Assicura la gestione unitaria dell’Istituto.
  • È responsabile della gestione delle risorse finanziarie e strumentali e dei risultati del servizio.
  • Nel rispetto delle competenze degli OO.CC. spettano al DS autonomi poteri di direzione e coordinamento e valorizzazione delle risorse umane
  • Organizza l'attività scolastica secondo criteri di efficienza, efficacia formative ed è titolare delle relazioni sindacali a livello di Istituto
  • Promuove tutti gli interventi necessari per assicurare la qualità dei processi formativi, la collaborazione delle risorse culturali, professionali, sociali ed economiche del territorio, la valorizzazione del personale attraverso l’implementazione della formazione in servizio, l'attuazione del diritto all'apprendimento da parte degli studenti

 

In merito ai servizi amministrativi questo Istituto ha individuato i seguenti fattori di qualità di cui garantisce l’osservanza e il rispetto:

  • ragionevole celerità delle procedure;
  • trasparenza e disponibilità in tutti i servizi di segreteria;
  • informatizzazione di tutti i servizi di segreteria;
  • tempi di attesa agli sportelli ridotti al minimo indispensabile.

Per migliorare il servizio all’utenza sarà posto particolare riguardo alle esigenze di famiglia e degli studenti pendolari.

 

Standard specifici delle procedure
  • la distribuzione dei moduli di iscrizione è effettuata “a vista” nei giorni previsti, in orario potenziato e pubblicizzato in modo efficace;
  • la segreteria garantisce lo svolgimento della procedura di iscrizione alle classi subito dopo la consegna delle domande;
  • il rilascio dei certificati è effettuato nel normale orario di apertura della segreteria al pubblico entro il tempo massimo di tre giorni lavorativi per quelli di iscrizione e frequenza e di cinque giorni per quelli con votazioni e/o giudizi (ove ce ne sia necessità e urgenza) il certificato sarà rilasciato “a vista”;
  • gli attestati e i documenti sostitutivi del diploma sono consegnati “a vista” a partire dal terzo giorno lavorativo successivo alla pubblicazione dei risultati finali;
  • i documenti di valutazione degli allievi sono consegnati direttamente dal Capo d’Istituto o dai docenti incaricati entro cinque giorni dal termine delle operazioni di scrutinio;
  • gli uffici di segreteria, compatibilmente con la dotazione organica di personale amministrativo, garantiscono un orario al pubblico in ragione di quanto deliberato dal CDI, sulla base delle indicazioni dei rappresentanti degli utenti;
  • l’ufficio di presidenza riceve il pubblico nell’orario di apertura della scuola, direttamente nei casi di urgenza o per appuntamento, anche telefonico;
  • eventuali richieste di certificati o altro possono essere presentate in qualsiasi momento tramite personale ausiliario;
  • la scuola assicura all’utenza la completezza e la celerità delle informazioni richieste.

 

ORARIO DI APERTURA AL PUBBLICO 10:30 -12:30 DAL LUNEDI’ AL SABATO

 

Per la progettazione, il costante monitoraggio e la concreta realizzazione del Piano triennale, si è predisposto un assetto organico, su un modello reticolare, che individua e correla i compiti e le funzioni da espletare.

Per quanto riguarda i compiti di collaborazione, il DS, oltre al DSGA, si avvale dell’apporto di uno staff di docenti che lo coadiuvano in attività di supporto organizzativo e didattico dell'istituzione scolastica.

I compiti e le funzioni dei collaboratori sono definiti annualmente nell’organigramma dell’istituto, in relazione alle necessità organizzative della scuola e alla concreta realizzazione del Piano triennale.

Il Dirigente scolastico, il DSGA, lo staff, il nucleo interno di valutazione e le Funzioni strumentali, individuate in funzione delle finalità e degli obiettivi prefissati nel Piano, coordineranno il Piano Triennale e il processo di miglioramento previsto dal RAV.

Accanto a queste figure di supporto, la progettazione didattica è affidata a un’organizzazione flessibile del collegio dei docenti, strutturata in ambiti disciplinari, coordinati da un docente responsabile, che periodicamente relaziona al Dirigente scolastico. L’organigramma prevede inoltre altre figure quali i coordinatori di classe, referenti di attività e di progetti, responsabili di laboratorio e biblioteca, commissioni varie in funzione dell’offerta formativa pianificata.

Visto l’organico di fatto dell’A.S. 2015/16, considerato l’andamento medio delle iscrizioni negli ultimi tre anni, si confermano il numero di posti comuni e di sostegno assegnati nel corrente anno scolastico, ipotizzando l’attuale piano classi e lo scorrimento pluriennale:

 

 

  1. posti comuni e di sostegno

 

Classe di concorso / sostegno

a.s. 2016-17

a.s. 2017-18

a.s. 2018-19

Motivazione: indicare il piano delle classi previste e le loro caratteristiche

 

A029

 

4 cattedre

2 h residue

4 cattedre

2 h residue

4 cattedre

2 h residue

2 sezioni complete liceo classico

5 sezioni complete liceo linguistico

2 classi collaterali liceo linguistico

 

A037

5 cattedre

4 h residue

5 cattedre

4 h residue

5 cattedre

 

2 sezioni complete liceo classico

5 sezioni complete liceo linguistico

2 classi collaterali liceo linguistico

A246

5 cattedre

8 h residue

5 cattedre

8 h residue

5 cattedre

4 h residue

5 sezioni complete liceo linguistico

2 classi collaterali liceo linguistico

 

A346

7 cattedre

13 h residue

7 cattedre

13 h residue

7 cattedre

10 h residue

2 sezioni complete liceo classico

5 sezioni complete liceo linguistico

2 classi collaterali liceo linguistico

 

A446

3 cattedre

15 h residue

3 cattedre

15 h residue

3 cattedre

11 h residue

5 sezioni complete liceo linguistico

2 classi collaterali liceo linguistico

 

A546

1 cattedra

14 h residue

1 cattedra

14 h residue

1 cattedra

14 h residue

5 sezioni complete liceo linguistico

2 classi collaterali liceo linguistico

A049

7 cattedre

8 h residue

7 cattedre

8 h residue

7 cattedre

4 h residue

2 sezioni complete liceo classico

5 sezioni complete liceo linguistico

2 classi collaterali liceo linguistico

A051

9 cattedre

13 h residue

9 cattedre

13 h residue

9 cattedre

7 h residue

2 sezioni complete liceo classico

5 sezioni complete liceo linguistico

2 classi collaterali liceo linguistico

A052

7 cattedre

7 cattedre

7 cattedre

2 sezioni complete liceo classico

A060

4 cattedre

2 h residue

4 cattedre

2 h residue

4 cattedre

2 h residue

2 sezioni complete liceo classico

5 sezioni complete liceo linguistico

2 classi collaterali liceo linguistico

A061

2 cattedre

8 h residue

4 cattedre

2 h residue

4 cattedre

2 h residue

2 sezioni complete liceo classico

5 sezioni complete liceo linguistico

2 classi collaterali liceo linguistico

C031

1 cattedra

7 h residue

1 cattedra

7 h residue

1 cattedra

6 h residue

5 sezioni complete liceo linguistico

2 classi collaterali liceo linguistico

C032

1 cattedra

7 h residue

1 cattedra

7 h residue

1 cattedra

6 h residue

5 sezioni complete liceo linguistico

2 classi collaterali liceo linguistico

C033

1 cattedra

 

1 cattedra

 

17 h residue

5 sezioni complete liceo linguistico

2 classi collaterali liceo linguistico

C034

10 h

10 h

10 h

5 sezioni complete liceo linguistico

2 classi collaterali liceo linguistico

sostegno

7 cattedre

9h residue

7 cattedre

9h residue

7 cattedre

9h residue

5 sezioni complete liceo linguistico

2 classi collaterali liceo linguistico

 

 

  1. Posti per il potenziamento

 

L’ organico potenziato, per essere coerente con le linee di indirizzo del Piano triennale, con le azioni di miglioramento che si intende intraprendere, con gli obiettivi formativi prioritari individuati dal c. 7 art. 1 della legge 107/2015, nell’ ipotesi di assegnazione di n. 7 risorse professionali, si indicano le seguenti priorità, in relazione alle aree di intervento:

 

Classe di concorso

n. docenti

Motivazione

A049

1

Rafforzamento delle competenze chiave in matematica, valorizzazione eccellenze

 

A060

1

Orientamento in uscita, potenziamento eccellenze, classi aperte, preparazione ai test di ingresso universitari

A052

1

Rafforzamento delle competenze in latino e greco, realizzazione di laboratori con classi aperte e laboratori di lettura pomeridiani, valorizzazione delle eccellenze

A037

1

Rafforzamento delle competenze di cittadinanza e ampliamento offerta formativa con aumento orario curricolare di storia nel triennio (Esabac)

A546

1

Ampliamento O.F. dal 1° al 4° anno con studio lingua straniera tedesca, realizzazione di progetti di dimensione europea e internazionale

A061

1

Ampliamento O.F. biennio iniziale con arte, attività extracurricolari

AC032

1

Ampliamento offerta formativa certificazioni internazionali, CLIL e progetti Erasmus+

 

  1. Posti per il personale amministrativo, tecnico e ausiliario, nel rispetto di quanto stabilito dal comma 14 dell’art. 1, legge 107/2015.

 

Tipologia

n.

Assistente amministrativo

6

Collaboratore scolastico

11

Assistente tecnico e relativo profilo

2         AR02, 1 AR08

 

Nel corso del triennio di riferimento l’Istituto scolastico si propone l’organizzazione delle seguenti attività formative, che saranno specificate nei tempi e modalità nella programmazione dettagliata per anno scolastico.

Le attività di formazione si realizzeranno, se e per quanto possibile, in rete con altre scuole, per un confronto di esperienze e per ottimizzare le risorse

 

Attività formativa

Personale coinvolto

Priorità strategica correlata

 

Competenze digitali

Docenti

 

Innovazione didattica e metodologica

Modificare gli ambienti di apprendimento

 

Competenze linguistiche L2

Docenti

CLIL, ESABAC, progetti internazionali, e-twinning, scambi e gemellaggi con scuole straniere

Alternanza scuola-lavoro

Docenti triennio

Orientamento in uscita, universitario e professionale

sviluppo imprenditorialità

Didattica laboratoriale per competenze

docenti

Potenziamento delle competenze di base

trasformare il modello trasmissivo

Valutazione

docenti

Trasparenza, equità

Inclusione

docenti

Percorsi formativi personalizzati potenziamento competenze di cittadinanza

Potenziamento delle competenze digitali

A.A.

A.T.

dematerializzazione, sburocratizzazione, semplificazione delle attività amministrative

Salute e sicurezza

ATA

docenti

Responsabilizzare il personale rispetto alla sicurezza nei luoghi di lavoro

Sviluppare capacità di intervento in caso di necessità ed emergenze

PROGETTI

 

partecipazione ai Programmi Operativi Nazionali 2014-2020, Avvisi e bandi MIUR, Avvisi e bandi Regione autonoma della Sardegna

 

presentati:

Progetto «Read on for eCLIL»; Rete: LC Siotto, LC Canopoleno, LS Pacinotti, tema: «La Guerra Fredda» («The Cold War») (approvato)

Progetto Alternanza scuola-lavoro: rete con L.S. Mossa - DD n.936/15 (approvato)

Progetto Olbi@improvement: rete con L.S. Mossa, ITCT Panedda, IIS Amsicora di Olbia. Avviso pubblico n.937 15.09.15 progetti Piano di Miglioramento per azioni innovative per la definizione e attuazione degli interventi di miglioramenti

 

PON – FESR – competenze e ambienti per l’apprendimento - 10.8.1.A3 Ambienti multimediali- Progetto «AULA 3.0 per una nuova didattica» per la realizzazione di un ambiente con arredi modulari e dispositivi digitali per la gestione in TIC delle lezioni con metodologia flipped classroom

 

Avviso pubblico per la realizzazione di Laboratori territoriali per l’occupabilità da realizzare nell’ambito del Piano Nazionale Scuola Digitale (PNDS): progetto Olbi@inLab – uso stampanti 3D nella didattica

 

Adesione avviso MIUR per promuovere la diffusione della sicurezza nelle scuole e la prevenzione e protezione dai rischi connessi alla fruizione degli ambienti di apprendimento. «La mia scuola sicura».

 

Adesione avviso MIUR per individuazione di Istituti scolastici o reti di Istituzioni scolastiche in grado di realizzare iniziative sperimentali finalizzate alla «Promozione della cittadinanza digitale».

 

Adesione avviso pubblico per l'individuazione di proposte progettuali per la valorizzazione ed il recupero di ambienti scolastici e realizzazione scuole accoglienti «lamiascuolaccogliente» progetto in rete «Ridiamo vita alle nostre scuole».

 

Adesione avviso teatro

 

Adesione avviso CLIL

 

Adesione avviso pubblico per il diritto allo studio degli studenti disabili del Comune di Olbia

Progetto di Philosophy for children per il diritto allo studio degli studenti disabili.